Il sito dell’enciclopedia Treccani ospiterà un dizionario biografico delle vittime delle mafie. È questa l’idea di Massimo Bray, direttore generale della Treccani, presentata durante la conferenza stampa di presentazione della quinta edizione Trame, festival dei libri sulle mafie. “Credo che, accanto alle vite dei grandi personaggi della Storia, il portale online della Treccani potrà ospitare anche le biografie di tutte le vittime della mafia”, ha spiegato Bray. Il dizionario biografico delle vittime delle mafie vedrà la luce nelle prossime settimane e sarà realizzato in collaborazione con Trame Festival ed Enciclopedia italiana.

Quest’anno Trame sarà dedicato ai “giovani favolosi“, cioè tutti quei ragazzi che in Italia hanno combattuto e combattono costantemente contro le mafie e per la libertà. L’evento si terrà a Lamezia Terme (Catanzaro) dal 17 al 21 giugno e sarà diretta dal giornalista e scrittore Gaetano Savatteri, prodotto e organizzato dalla Fondazione Trame, con la collaborazione dell’Associazione Antiracket Lamezia Onlus.

Tra gli ospiti della quinta edizione ci saranno Rosy Bindi, presidente della Commissione antimafia, Luisella Costamagna, giornalista, Salvo Sottile, giornalista, Michele Prestipino, procuratore aggiunto di Roma, e Giancarlo De Cataldo, magistrato, scrittore e sceneggiatore.

Trame non sarà soltanto libri. Per la prima volta in Calabria andrà in scena Buttanissima Sicilia, lo spettacolo-evento del giornalista e scrittore Pietrangelo Buttafuoco con Salvo Piparo, Costanza Licata, Rosemary Enea e con la regia di Giuseppe Sottile. Ci sarà anche una “maratona” di documentari sulle mafie, di cui alcuni inediti, presi dagli archivi dell’Istituto Luce, grazie alla collaborazione con il Courmayeur Noir festival.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bruno Caccia, scarcerato mandante omicidio del giudice: “Motivi di salute”

prev
Articolo Successivo

Mafia a Brescello? La vittoria giudiziaria di Donato Ungaro che lo scrisse 14 anni fa

next