I tassisti per ora hanno vinto: l’applicazione Uber Pop dev’essere sospesa. Nel giorno dello stop abbiamo invitato al confronto un tassista di Milano e un driver di Uber: Stefano e Carmelo. “Uber Pop è un’applicazione che fa concorrenza sleale, è un soggetto abusivo giustamente bloccato dalla magistratura“, si compiace Stefano. “Noi di Uber non portiamo via lavoro al tassisti, ma serviamo una clientela nuova, che prima non accedeva al servizio taxi per via delle tariffe troppo alte“, ribatte Carmelo. Entrambi auspicano una riforma generale del servizio. “Per il futuro vedo il potenziamento della struttura di radio taxi, in un mercato in cui possono operare con regole chiare anche Uber black e Ncc“, sostiene Stefano. “Il futuro ci darà ragione anche in Italia, la riforma deve aprire alla concorrenza a vantaggio della libertà di scelta dei cittadini”, ribatte Carmelo. Per “motivi di sicurezza personale”, come spiega egli stesso, il driver Uber ha scelto di rilasciare l’intervista solo a patto di aver il volto non riconoscibile: “L’ostilità dei tassisti, nei mesi scorsi, si è manifestata a più riprese”  di Piero Ricca, riprese e montaggio Matteo Fiacchino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pedofilia, Papa Francesco annuncia “tribunale per giudicare i vescovi”

prev
Articolo Successivo

Pedofilia, quando il Papa disse: “Tolleranza zero con i vescovi, non ci saranno ‘figli di papà'”

next