In attesa che il ministro Lorenzin ci degni di attenzione rispondendo alle tante domande che le abbiamo posto a nome dei cittadini italiani, ho riletto la risposta ufficiale del ministero della Salute (non della Lorenzin) che ho allegato all’ultimo mio scritto.

La risposta (ma il ministero risponde solo ai partiti della maggioranza o dovrebbe rispondere a tutti gli italiani?) alla interrogazione di due onorevoli del Pd appare insufficiente e assolutamente non corrispondente alla verità almeno secondo una lettera di Novartis sequestrata dalla guardia di Finanza nell’inchiesta per l’Agcom in cui le aziende Novartis e Roche vennero condannate per accordo di cartello.

In quella lettera risalente al 2012 si legge che “il potenziale impiego di Lucentis” per la degenerazione maculare senile essudativa e per l’edema maculare diabetico e vascolare sarebbe di 300.000 casi circa molto diverso dai 72.000 circa comunicati dal ministero. Chi scrive il falso? Ministro Lorenzin quando digita semplicemente i Drg corrispondenti e fa una semplice somma per darci cifre reali riguardanti solo l’occhio? Si rende conto che quei dati sono assolutamente messi insieme per caso e spesso confusi in numeri di utilizzo di dosi e di centri senza scremare quelli non prettamente oculistici? Il ministero sa che Avastin viene utilizzato soprattutto in centri oncologici?

Un numero impressionante di fiale di Lucentis invece viene usato nei centri oculistici. Un risparmio enorme per la comunità se si utilizzasse solo il farmaco “equivalente” Avastin. Sembra che al ministro della Salute, al ministro del Tesoro ed al Presidente Renzi non interessi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Le figurine introvabili: dal Saladino a Pizzaballa

prev
Articolo Successivo

Genitori: sveglia papà, siamo nel 2015!

next