La scheda elettorale dei milanesi si allunga, dentro un altro nome. Quello di Corrado Passera, ex ministro ed ex ad Banca Intesa, che sarà candidato sindaco del capoluogo nel 2016. Lo ha confermato lui stesso al termine della riunione della direzione nazionale di Italia Unica a Milano. “Mi candiderò anche se la decisione finale spetterà ai milanesi – ha detto ai giornalisti -. Oggi si è soltanto deciso di impegnarci ma è già tanto, seguiranno squadra e alleanze”.

Confermato che il logo di Italia Unica sarà presente alle elezioni amministrative dell’anno prossimo. “Oggi la direzione nazionale di Italia Unica – ha riferito Passera al termine della riunione – ha deciso con grande entusiasmo di essere direttamente presenti nelle grandi e medie città alle Amministrative 2016. Io stesso mi impegnerò a preparare la proposta per i cittadini di Milano”. In particolare in tutte le grandi città chiamate al voto, da Torino a Bologna, da Trieste a Napoli, da Cagliari a, appunto, Milano.

Secondo l’ex ministro dello Sviluppo economico, Milano è “una città con tante energie e ricchezze ma anche tanto disagio, come nelle periferie e sul tema casa”. Per Italia Unica anche la sicurezza sarà uno dei temi principali: “Milano, che è casa mia, ha tante forze accumulate su cui lavorare”, ha concluso Passera, confermando di voler essere “alternativo” sia alla proposta di Renzi sia a quella di Salvini. Per questo l’asticella del successo è  fissata ad altezze siderali: il ballottaggio. Qualunque risultato che sia inferiore al 10-12% – dicono gli uomini di Passera – rimetterebbe tutto in discussione.

La partita per  Milano si annuncia complicata. In attesa di capire quale sarà il candidato del centrosinistra, ai nastri di partenza ci sono Matteo Salvini e Maurizio Lupi. La concorrenza tra i due potrebbe creare il terreno ideale per Passera. Senza contare le annunciate volontà di Antonio Di Pietro (con o senza il Movimento 5 stelle) e Vittorio Sgarbi di essere della partita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Regionali, Renzi: “In Europa l’unica sinistra che vince è la nostra”

prev
Articolo Successivo

Mafia Capitale, Renzi: ‘No a dimissioni per gli indagati, Marino e Zingaretti puliti’

next