“Mi dispiace per la Liguria ma non c’è partita: numericamente il Pd ha vinto e il Pd ha il consenso nel paese che non nessuna sinistra europea ha”: il presidente del Consiglio Matteo Renzi – intervistato da Ezio Mauro a  “La Repubblica delle Idee”, a Genova – torna a commentare l’esito delle ultime elezioni regionali. “Numericamente è evidente che il Pd ha vinto – continua il premier – Ma se vogliamo fare un’analisi seria l’astensionismo preoccupa”. “L’unica sinistra che in Europa ha ancora un risultato”, per il presidente del Consiglio, “è la nostra”.

Alla domanda sui liguri che hanno voltato le spalle al Pd, scatta l’applauso. Prima della risposta: “Il segnale che ci viene dalla Liguria va considerato, se abbiamo perso in Liguria abbiamo sbagliato noi. Ma è altrettanto evidente che scaricare sugli altri le colpe è insopportabile”.

Dopo le regionali, aggiunge Renzi, “sicuramente il Pd deve fare una riflessione, ben venga, un po’ di buon senso ci aiuta a rimetterci in gioco. Ma la sinistra deve chiarire: fuori dal nostro Pd c’è la Coalizione sociale o Podemos italiano…”. Fuori dal Pd “c’è – ha aggiunto il presidente del Consiglio – Salvini ed il centrodestra. Per essere argine all’antipolitica dobbiamo darci una smossa ma essere consapevoli della situazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

De Luca e la vergogna della politica

next
Articolo Successivo

Milano, Passera si candida a sindaco nel 2016. Obiettivo, il ballottaggio

next