Nel mio ultimo post parlavo della storia di Filippo Giunta, organizzatore del più grande festival di musica reggae del mondo, il Rototom Sunsplash, che pochi giorni fa è stato assolto dall’assurda accusa di incitare, con il suo festival, le persone a drogarsi. Ma questo accadeva solo dopo sei lunghi anni di non indolore processo e dopo che l’eccellenza del Rototom è dovuta emigrare dall’Italia alla Spagna, con tutto l’indotto che si porta dietro. La storia della sua persecuzione l’ha raccontata lo stesso Giunta ai microfoni della nostra trasmissione radiofonica Jailhouse Rock. Vi invito ad ascoltare le sue parole, che credo non abbiano bisogno di molti commenti.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maroni indagato, chiuse le indagini per governatore e per il dg Expo Malangone

next
Articolo Successivo

Mafia Capitale, inchiesta bis – Salvatore Buzzi: “Se resta sindaco Marino, con il mio amico ci mangiamo Roma”

next