Nel mio ultimo post parlavo della storia di Filippo Giunta, organizzatore del più grande festival di musica reggae del mondo, il Rototom Sunsplash, che pochi giorni fa è stato assolto dall’assurda accusa di incitare, con il suo festival, le persone a drogarsi. Ma questo accadeva solo dopo sei lunghi anni di non indolore processo e dopo che l’eccellenza del Rototom è dovuta emigrare dall’Italia alla Spagna, con tutto l’indotto che si porta dietro. La storia della sua persecuzione l’ha raccontata lo stesso Giunta ai microfoni della nostra trasmissione radiofonica Jailhouse Rock. Vi invito ad ascoltare le sue parole, che credo non abbiano bisogno di molti commenti.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maroni indagato, chiuse le indagini per governatore e per il dg Expo Malangone

next
Articolo Successivo

Mafia Capitale, inchiesta bis – Salvatore Buzzi: “Se resta sindaco Marino, con il mio amico ci mangiamo Roma”

next