Nel mio ultimo post parlavo della storia di Filippo Giunta, organizzatore del più grande festival di musica reggae del mondo, il Rototom Sunsplash, che pochi giorni fa è stato assolto dall’assurda accusa di incitare, con il suo festival, le persone a drogarsi. Ma questo accadeva solo dopo sei lunghi anni di non indolore processo e dopo che l’eccellenza del Rototom è dovuta emigrare dall’Italia alla Spagna, con tutto l’indotto che si porta dietro. La storia della sua persecuzione l’ha raccontata lo stesso Giunta ai microfoni della nostra trasmissione radiofonica Jailhouse Rock. Vi invito ad ascoltare le sue parole, che credo non abbiano bisogno di molti commenti.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maroni indagato, chiuse le indagini per governatore e per il dg Expo Malangone

next
Articolo Successivo

Mafia Capitale, inchiesta bis – Salvatore Buzzi: “Se resta sindaco Marino, con il mio amico ci mangiamo Roma”

next