“Hanno promesso poco, realizzato ancora di meno: il Qatar e le violazioni dei diritti dei lavoratori migranti”. Così titola il nuovo report 2015 di Amnesty International sulle continue violazioni dei diritti umani della manodopera migrante impegnata nella costruzione degli stadi e delle infrastrutture per i Mondiali di Qatar 2022. Sono nove i parametri presi in considerazione per il report, che vanno dalle condizioni di vita alla sicurezza sul lavoro, dal sequestro dei documenti all’impossibilità di denunciare le vessazioni subite: su cinque di essi Amnesty ha ravvisato un miglioramento lieve ma non sufficiente, altri quattro sono rimasti invariati. Su tutto però resta la mai mantenuta promessa di sospendere la legge kafala: un sistema diffuso in tutta l’area e definito “neo-feudale”, che riduce il migrante a schiavo del suo datore di lavoro, che entra in possesso dei suoi documenti e quindi della sua vita.

“Il Qatar non sta rispettando i diritti dei lavoratori migranti. Un anno fa il governo si era impegnato a migliorarli ma di fatto non c’è stato alcun passo avanti – ha dichiarato Mustafa Qadri, ricercatore di Amnesty nei paesi del Golfo – senza un’immediata azione, le promesse fatte lo scorso anno rischiano di risultare un mero esercizio di pubbliche relazioni per tenersi stretti i Mondiali”. Amnesty stima in 1,5 milioni i migranti attualmente impiegati come schiavi sul territorio, pronti a salire fino a 2,5 milioni con l’avvicinarsi di Qatar 2022. Le denunce riguardano il mancato miglioramento delle condizioni di sicurezza nei cantieri e di igiene negli alloggi. Il mai avvenuto aumento del numero degli ispettori del lavoro e la mai concessa possibilità alle Ong di visitare liberamente i siti. Anzi, nelle scorse settimane sono state arrestate una troupe della tv tedesca e una inglese, entrambe lavorando a inchieste sulle condizioni dei lavoratori avevano provato a visitare i cantieri incriminati.

I numeri sono impressionanti, secondo le stime del Guardian e del sindacato internazionale ITUC dal 2012 a oggi il numero di morti sul lavoro è di 2,5 al giorno. Di questo passo per il calcio d’inizio dei Mondiali il numero di morti potrebbe superare le 4mila unità. Una vera e propria emergenza umanitaria, su cui la Fifa non si è ancora degnata di intervenire. Eppure le prime denunce erano arrivate nel 2013, poi reiterate con nuove inchieste. E nel 2014, dopo che i numeri parlavano in un solo anno di 144 morti sul lavoro, 56 suicidi e un altro centinaio morti di caldo (50 gradi all’ombra) e di stenti nelle baraccopoli o nei campi profughi in cui sono alloggiati, la Fifa si era dichiarata pronta a intervenire. Ma non è ancora successo.

Il Mondiale di Qatar 2022 è un immenso business per la Fifa, organizzazione senza scopo di lucro che lo scorso anno ha fatturato 1,8 miliardi di dollari, per le televisioni e per gli sponsor. Uno storico partner commerciale come Visa pochi giorni fa ha rilasciato un comunicato in cui si è detta sconcertata per le notizie che provengono dal Qatar e ha chiesto alla Fifa di intervenire con urgenza. Ma non si è sfilata dall’organizzazione della manifestazione. Perché Qatar 2022 è anche un’immensa scacchiera politica, la cui prima mossa data 5 dicembre 2010, il giorno della contestata assegnazione.

Da allora, per le accuse di corruzione sono piano piano cadute le teste di tutti i nemici di Blatter, l’inchiesta interna della Fifa affidata al superprocuratore Garcia è stata affossata con la decisione di non renderla pubblica. E l’ultimo a cadere Qatar è stato Platini, ex delfino di Blatter che avrebbe dovuto sfidarlo alle elezioni presidenziali Fifa del prossimo 29 maggio e che invece ha rinunciato per i troppi legami con la monarchia qatariota. “Trascorso oltre un anno e mezzo dalla denuncia di Amnesty sull’esteso sfruttamento dei lavoratori migranti, poco o nulla è stato fatto per contrastarne le cause – ha detto Qadri – col boom delle costruzioni ancora in corso e la popolazione dei lavoratori migranti destinata ad aumentare, la necessità di riforme è più pressante che mai”. Ma i diritti umani rischiano di restare intrappolati in questo squallido ballo del potere calcistico.

Twitter @ellepuntopi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega pro nel caos, tra penalizzazioni che vanno e vengono e scandalo scommesse

next
Articolo Successivo

Carlo Ancelotti esonerato dal Real Madrid. Ora tornare al Milan non è follia

next