Un nome: Abdel Majid at-Touil. E due foto. La prima: quella scattata dalla polizia di Milano subito dopo l’arresto del 22enne marocchino che – per le autorità tunisine – ha avuto un ruolo nell’attentato del 18 marzo scorso al museo del Bardo di Tunisi (24 morti, tra cui 4 italiani). La seconda: quella diffusa in esclusiva dal quotidiano tunisino Akher Khabar Online, e pubblicata sul sito del programma di Rai Tre Chi l’ha visto?. Stessa identità. Ma due volti diversi, almeno in apparenza.

L’immagine della testata nordafricana è in bianco e nero, sgranata. Il volto di quello che per i media tunisini sarebbe il vero terrorista sembra appartenere a un uomo tra i 30 e i 40 anni. Pizzetto e capelli folti e neri. Il taglio degli occhi ben marcato, labbra sottili. Mentre quella che immortala il 22enne arrestato il 19 maggio scorso a Gaggiano, hinterland di Milano, dalla Digos e dai Ros – che hanno eseguito un mandato di cattura internazionale – mostra il ragazzo con il pizzetto appena pronunciato sul mento, labbra carnose. E i capelli neri ordinati, più corti sui lati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, adescavano minori per farli prostituire: 8 arresti. C’è anche un prete

prev
Articolo Successivo

Genova, due anni senza il Gallo. Il 22 maggio 2013 moriva don Andrea

next