Mai come in questi tempi il rap sembra essere entrato nella comunicazione politica italiana, una scelta talvolta provocata dalle prese di posizione di noti rapper e cantanti come Fedez e J-Ax. Ma se fino a poco tempo fa le accese polemiche si riversavano su twitter e sulla stampa, adesso i politici sembrano spostarsi sul piano degli artisti. Dopo l’ultimo rap del vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri (Forza Italia), oggi a cantare è la Lega Nord, nello specifico Federico Bussolin, candidato a consigliere regionale per la Toscana. Si chiama “Grida forte toscana” ed è un pezzo contro il Pd di Renzi e l’attuale governatore in cerca di riconferma, Enrico Rossi. “Renzi, Rossi, Maria Elena Boschi, il Pd in Toscana sono solo affari loschi”, canta Bussolin, che aggiunge: “E’ una scelta di cuore, per la patria e amore, il destino ti chiama, Lega Nord Toscana”. Non è la prima volta che Bussolin si fa notare dalla stampa: nel gennaio scorso ha portato una calza piena di carbone in Regione Toscana per evidenziare la cattiva gestione di Rossi. A marzo Bussolin ha ricevuto delle minacce su Facebook per aver pubblicato una foto che lo ritraeva insieme al leader della Lega Nord, Matteo Salvini  di Max Brod

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S, Di Battista su FB: “Ecco in ‘contanti’ 128mila euro, potevo farmi la barchetta di D’Alema”

prev
Articolo Successivo

Forza Italia, Berlusconi: “Fitto voleva andare oltre? Per me è già fuori”. L’ex ministro: “E’ lui fuori dalla realtà”

next