Quattro morti e tre feriti. E’ il bilancio dell’esplosione in una fabbrica di fuochi d’artificio al confine tra i comuni di Qualiano e Giugliano, in provincia di Napoli. Le vittime sono Luigi Capasso, di 45 anni, Raffaele Schiattarella e Raffaele Vallefuoco, di 65. La detonazione si è verificata in località Ponte Riccio, a ridosso della zona industriale di Giugliano. Sono intervenuti gli agenti del commissariato di Polizia di Stato, diretti dal primo dirigente Pasquale Trocino.

Dopo l’esplosione, che si è sentita ad alcuni chilometri di distanza, nella struttura è scoppiato un incendio. L’area intorno alla fabbrica è stata circoscritta e si indaga sulle cause, che sembrano essere accidentali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Empoli, incendio in un istituto: evacuati mille studenti. Nessun ferito

prev
Articolo Successivo

Virus Ebola, infermiere di Emergency contagiato: “Condizioni non critiche”

next