Gentilissimo Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Graziano Delrio,

Sono il Dott. Luca Faccio da Bassano del Grappa.

Le scrivo dopo aver appreso la notizia che un giovane studente disabile non ha potuto partecipare alla gita scolastica perché non riusciva a salire sull’autobus. Per questo motivo i compagni di classe e anche quelli delle altre classi hanno deciso tutti insieme di non partire per la gita, motivando che se uno di loro non riesce a salire sul bus, allora non ci sale nessuno. In altre occasioni con anche se c’erano delle difficoltà  erano state superate con grande impegno da parte di tutti ma questa volta i gradini erano proprio insormontabili.

Le chiedo per tanto di impegnarsi e di metterci la faccia per  trovare un mezzo idoneo affinché Gabriele -10 anni- con i suoi 35 compagni e tutti gli altri alunni dell’istituto comprensivo di Rovito possano finalmente fare la loro gita scolastica.

La Preside Filomena Lanzone si è impegnata a trovare un autobus idoneo per un ragazzo che si sposta con la sedia a rotelle, ma – come riferito dagli organi di stampa – in tutta la Provincia non esiste un mezzo attrezzato che possa compiere lunghe percorrenze .

Auspico che questa situazione si risolva per il meglio e quanto prima, e che lei come Ministro delle Infrastrutture e trasporti e Matteo Renzi come Presidente del Consiglio prima di puntare sulle Grandi Opere e su Grandi Eventi vi adoperiate per garantire a tutti i cittadini disabili e non delle città  i servizi necessari per muoversi.

In attesa  di una sua risposta scritta che pubblicherò su questo blog, la ringrazio anticipatamente.

Cordiali Saluti,

Dott. Luca Faccio

Per aderire alla petizione per Gabriele

Per segnalare la vostra storia scrivete a: raccontalatuastoria@lucafaccio.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diritti gay, la figuraccia del Concertone

next
Articolo Successivo

Diritto alla casa: ‘Sfrattati’, un ufficiale giudiziario si racconta

next