Un uomo di 35 anni di Trento è morto travolta da una valanga in Val Martello, in Alto Adige. Un slavina di grandi dimensioni si è staccata dalla Cima Solda attorno alle 11 del 2 maggio, a 3.376 metri di altitudine, sotto il rifugio Casati del gruppo Cevedale-Ortles, travolgendo otto persone. Si trattava di due gruppi di scialpinisti austriaci, trentini ed altoatesini.

Dalla neve sono state estratte vive dai propri compagni due persone. Una terza è stata salvata dal soccorso alpino della Alta Val Venosa, che le ha trasportate in stato di ipotermia all’ospedale di Silandro. Altre quattro persone travolte sono riuscite a mettersi in salvo da sole e non hanno riportato ferite.

Sul posto, molto frequentato da scialpinisti, sono intervenuti il soccorso alpino della Val Venosta e gli elicotteri del 118 e della Guardia di Finanza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scontri Expo, troppo facile condannare quel ragazzo

next
Articolo Successivo

Corteo No Expo: i rivoluzionari di ieri, i tromboni di oggi, i violenti e gli utili idioti

next