Il decreto anti-terrorismo è legge. Grazie anche ai voti di Sandro Bondi e Manuela Repetti, i senatori che hanno lasciato pochi giorni fa Forza Italia in polemica con il partito. I parlamentari, ex fedelissimi di Silvio Berlusconi, hanno votato la fiducia al governo di Matteo Renzi. Mentre nel Partito democratico la tensione è sempre più alta con la minoranza che chiede modifiche al testo sulla legge elettorale e al ddl riforme, il presidente del Consiglio trova due nuovi alleati a Palazzo Madama: la coppia Bondi e Repetti. Il poeta di Fi e compagna se ne sono andati con già in testa l’idea che quella del (ex) rottamatore di sinistra fosse l’unica via percorribile: “E’ una sinistra per la prima volta moderna”, ha dichiarato la Repetti poco dopo lo strappo. Detto fatto: dopo essere stati sbattuti fuori dal cerchio magico berlusconiano e dopo essersene andati fuori dal partito, ora lo sguardo è solo per il leader Pd.

Il Parlamento italiano è campione nel collezionare cambi di casacca: da destra a sinistra, dal Movimento 5 Stelle al Gruppo misto “si viene e si va” nemmeno si fosse in un albergo. Nella diciassettesima legislatura a fare il grande salto e passare dall’opposizione (o presunta tale) al sostegno al governo sono stati, tra gli altri: al Senato Lorenzo Battista (da M5s a Gruppo autonomie) e Fabiola Anitori (da M5S a Ncd) o Paolo Naccarato (da Gal al Pd), alla Camera Gennaro Migliore (da Sel al Pd) e la coppia Tommaso Currò-Alessio Tacconi (da M5S a Pd).

A favore del provvedimento anti-terrorismo oggi si sono espressi 161 senatori, 108 contrari, un astenuto. Il decreto legge approvato dal Senato in ultima lettura prevede misure urgenti antiterrorismo e la proroga delle missioni internazionali. Il provvedimento rafforza la normativa penale in materia di terrorismo internazionale e affida al Procuratore nazionale Antimafia il coordinamento delle inchieste sul terrorismo. Tra le misure approvate, la pena della reclusione da cinque a otto anni per il delitto di arruolamento con finalità di terrorismo anche internazionale e l’inserimento, nel codice penale, del nuovo delitto di ‘organizzazione di trasferimenti per finalità di terrorismo’ che mira a colpire i cosiddetti i ‘foreign fighter’ con la reclusione da cinque a otto anni. Reclusione dai cinque ai dieci anni, invece, per i ‘lupi solitari’ che progettano attentati in Italia.

L’articolo 2 del decreto mira a combattere il terrorismo sul web: l’uso della rete e di strumenti informatici per perpetrare reati di terrorismo (in caso di arruolamento o propaganda, ad esempio) diventa un’aggravante che comporta l’obbligo di arresto in flagranza ed è previsto l’obbligo per la polizia postale e delle comunicazioni di tenere aggiornata una black-list dei siti internet che vengano utilizzati per la commissione di reati di terrorismo, che dovranno essere oscurati. Il personale militare impegnato all’estero diminuisce, passando da 4207 a 3650 unità. Viene infine prorogato fino al 30 giugno 2015 il Piano di impiego operativo sull’utilizzo di un contingente militare per il controllo del territorio, incrementandolo di milleottocento uomini a fini di prevenzione del terrorismo. Un ulteriore contingente militare di seicento unità garantirà i servizi di sicurezza del sito Expo 2015.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corruzione, al ministero dell’Ambiente la previene l’indagato Antonio Agostini

prev
Articolo Successivo

Piemonte, la leghista Gancia nel comitato diritti umani: dura coi migranti e solidale con agenti Diaz

next