Nessun segnale di ripresa: i prestiti bancari continuano a calare, a dispetto della liquidità a tassi bassissimi in arrivo dalla Banca centrale europea. Ad attestarlo sono i dati Abi sul mese di marzo, in base ai quali l’ammontare dei crediti alla clientela è diminuito dell’1,68% rispetto allo stesso mese del 2014, passando a un ammontare complessivo di 1.820 miliardi di euro dai 1.851 di un anno prima. A marzo 2013, per altro, il valore era di 1.910 miliardi. I prestiti a famiglie e imprese sono calati dello 0,94%, a quota 1.409 miliardi dai 1.431 di un anno prima. L’unico dato positivo è che la discesa è più lenta: quel -0,9%, seppure negativo, è il risultato migliore dal maggio 2012.

Per quanto riguarda i tassi di interesse, a marzo la media è risultata pari al 3,56%, il minimo storico, grazie all’avvio del piano di acquisto di titoli di Stato da parte della Bce. Il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni si è attestato al 2,7% mentre il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese si è collocato al 2,36% (il valore più basso da giugno 2010) dal 2,40% di febbraio 2015. A fine 2007 era al 5,48 per cento.

Le sofferenze lorde, cioè i prestiti difficili o impossibili da recuperare, a febbraio sono salite ancora a quasi 187,3 miliardi, dai 185,5 di gennaio. Il rapporto tra sofferenze lorde e impieghi è del 9,8% a febbraio contro l’8,5% di un anno prima, valore che raggiunge il 16,5% per i piccoli operatori economici e le imprese e il 7,1% per le famiglie consumatrici (contro il 6,4% a febbraio 2014). Le sofferenze nette registrano invece una diminuzione, passando da 81,3 miliardi di gennaio a 79,3 miliardi di febbraio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MORTE DEI PASCHI

di Elio Lannutti e Franco Fracassi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sea, la Cassazione conferma assoluzione per Vito Gamberale

next
Articolo Successivo

Cassa depositi e prestiti, da oggi la Bce comprerà anche le sue obbligazioni

next