Sul fronte di Oria, tra momenti di tensione e rabbia, sono stati abbattuti i primi sette ulivi ritenuti contagiati dal batterio Xylella fastidiosa. Gli attivisti, in contrada Frascata già dalle 7, non sono riusciti a bloccare gli operai dell’Agenzia regionale per le risorse irrigue e forestali. In realtà, sembrava che la mattinata si sarebbe tradotta in un nulla di fatto, dopo “l’occupazione” di ruspe e mezzi pesanti. Dalla riunione che si è svolta in Prefettura a Brindisi, però, è arrivato l’ordine di procedere. E alle 14, mentre i carabinieri intrattenevano i manifestanti, è arrivata la soffiata: trecento metri più in là, le motoseghe stavano entrando in azione. È in quel momento che si è scatenato il parapiglia: alcuni ragazzi hanno cominciato a correre, inseguiti dagli agenti del Corpo Forestale; altri hanno provato a scavalcare la recinzione dell’oliveto; in tre sono riusciti a salire sugli alberi. Alla fine, le piante sono state tagliate. “Che vergogna”, ripetono i contadini. “Non ci hanno neppure fatto vedere le analisi che certificassero la presenza del patogeno”, aggiunge il proprietario di uno degli ulivi eradicati  di Tiziana Colluto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, bimbo autistico cade dal 2° piano dell’istituto. “E’ stato operato, è in coma”

prev
Articolo Successivo

L’Aquila, chiude l’aeroporto: “Pochi voli commerciali” e milioni di euro in fumo

next