Spezzò il pane e porse il vino. Sono questi gli elementi sicuri dell’Ultima cena che Gesù consumò con i suoi apostoli prima di morire. Ma sulla tavola c’erano anche pesce san pietro insaporito con aromi, timo, tzir – una variante del garum, la salsa di pesce tipica della cucina romana – e una fragrante schiacciata di fichi. Sono queste le convinzioni di Generoso Urciuoli e Marta Berogno, archeologi torinesi specialisti in cibo antico che hanno condotto uno studio sul menù dell’Ultima cena.

Nel mese di aprile Urcioli e Berogno hanno iniziato il loro viaggio da Torino, con ultima tappa Gerusalemme, tra cibi e abitudini alimentari lungo millenni, attraverso un percorso nei luoghi simbolo del mondo antico. Lo scopo era l’indagine sul menù dell’ultimo pasto consumato da Gesù con i suoi apostoli, che ha preso forma nel progetto di divulgazione scientifica “Archeoricette“: utilizzare il cibo come filtro interpretativo per ricostruire le abitudini alimentari delle antiche civilità. L’obiettivo era illustrare, aldilà degli stereotipi o della conoscenza fornita dai testi sacri, una visione attendibile e coerente del mondo antico in merito al cibo

I risultati dello studio dei due professori, che sono oggetto di un libro, permettono di osservare la presenza di cibo diverso dal solo pane sulla tavolata con al centro Gesù. I Vangeli parlano della sua presenza a Gerusalemme per una ricorrenza che prevedeva il pellegrinaggio. Le occasioni, secondo i due archeologi, potevano essere la Pasqua, la festa di Pentecoste e la festa dei Tabernacoli o delle Capanne. La festa dei Tabernacoli – celebrata in autunno, dove la presenza delle palme è maggiore – commemorava gli anni passati nel deserto vivendo accampati in tende, che venivano ricostruite per l’occorrenza sui tetti o per le strade, corredate da tappeti, e le processioni erano accompagnate dalle grida di “Osanna“. Sulla base di questi elementi, Generoso Urciuoli e Marta Berogno concludono: “Nulla vieta di pensare che su quella tavola fossero presenti alimenti e preparati tipici della Galilea: pesce san pietro, insaporito con aromi e timo, tzir e una fragrante schiacciata di fichi ad accompagnare il tutto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, partorisce in coma: donna si sveglia dopo quattro mesi e incontra suo figlio

next
Articolo Successivo

Torino, il nuovo grattacielo Intesa San Paolo e la ‘milanizzazione’ della città

next