Periscope sta ‘sbancando’, soprattutto su Twitter (che l’ha acquistato per 100 milioni di dollari): sono più di 27000 al giorno i tweet con l’hashtag #periscope. L’app consente di trasmettere in streaming con il proprio smartphone: è qualcosa di molto vicino al teletrasporto, hanno detto i fondatori. Attivare Periscope è piuttosto semplice: basta loggarsi con il proprio account Twitter, cominciare a seguire utenti e trasmissioni in streaming. Per molti, la potenzialità di trovarsi ‘dentro le cose’ e di raccontare la realtà con la rigorosa oggettività della diretta rappresenta una vera rivoluzione: dal backstage di un concerto, al corteo di una manifestazione, passando per i viaggi più inusuali fino alle competizioni sportive. Per altri, potrebbe invece essere l’ennesima app che va ad intaccare la privacy dando vita a contenuti in streaming di dubbio gusto (si va dal ‘live streaming della moka’ a quello della ‘passeggiata col cane’). Intanto, su twitter ne parlano tutti, in molti casi con ironia.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sexion Privée, messaggi erotici per le donne nel nuovo sito di audio sex toys

next
Articolo Successivo

Shirley Andrews, vivere bene il sesso nella terza età? Così fa l’ottantenne soprannominata ‘gang bang queen’

next