L’ex gip del Tribunale di Palmi Giancarlo Giusti, agli arresti domiciliari dopo essere stato coinvolto in due inchieste delle Dda di Milano e Catanzaro su suoi presunti rapporti con esponenti della ‘ndrangheta, si è impiccato nella sua abitazione di Montepaone, il centro del catanzarese dove viveva da alcuni mesi. Arrestato nel marzo 2012Giusti nel settembre dello stesso anno era stato condannato a quattro anni di reclusione con l’accusa di corruzione aggravata dalla finalità mafiosa.

Secondo l’accusa era stato corrotto dalla cosca ValleLampada con soggiorni in costosi alberghi e prestazioni di escort. In cambio di questi favori e di pagamenti in denaro, aveva disposto la scarcerazione di membri di spicco dell’organizzazione criminale. Sarebbe poi stato “socio occulto” della cosca in una società, la Indres Immobilare, che puntava ad acquistare appartamenti e case in aste da lui stesso pilotate, visto che in quel periodo era assegnato presso la sezione esecuzioni immobiliari a Reggio Calabria.

Già tre anni fa l’ex giudice aveva tentato di togliersi la vita nel carcere milanese di Opera, ma era stato salvato dall’intervento degli agenti di sorveglianza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pd Liguria, sostenitore di Paita accusato di essere prestanome di un boss

next
Articolo Successivo

Mattarella e la legalità dell’indagato per mafia Mario Ciancio

next