fecondazione-640Undici mesi dopo la caduta della norma che vietava la fecondazione eterologa – 9 aprile 2014 – alla clinica di Roma Alma Res Fertility sono stati appesi un fiocco azzurro e uno rosa. I primi due bambini nati con ovociti da donatrice italiana. Grande è la gioia della neomamma, una donna di 47 anni, e del direttore del centro della fertilità Professor Bilotta che ha annunciato a breve altre due nascite sempre da fecondazione eterologa, sempre grazie a donatrici volontarie che hanno donato i propri ovociti.

Chi invece grida allo sfruttamento del corpo delle donne per la presunta compravendita di gameti è ancora una volta la vicepresidente della commissione Affari Sociali Eugenia Roccella, già apologeta della più controversa legge della storia repubblicana – la legge 40 – smontata a colpi di sentenze nei tribunali per ben 33 volte. Un divieto, quello dell’eterologa, che nessuna legge avrebbe dovuto sancire.

Perché non c’è alcuna prova che i figli nati da eterologa siano infelici.

Perché non c’è nessuna finzione nella scienza al servizio delle donne e degli uomini che desiderano un figlio, per rispondere a Politi che stigmatizzava l’eterologa. Il riduzionismo biologico dell’essere madre o padre con l’eterologa si evolve e diventerebbe cristianamente accogliente.

L’identità di una persona non è lo screening dei suoi geni ma molto di più. L’identità è come quella persona si percepisce all’interno di un gruppo sociale attraverso la propria formazione e la propria cultura. È ciò che il contesto culturale gli rimanda. È il risultato del nostro ruolo nella società, non certo e non solo dell’origine dei nostri geni.

Perché allora, con questo parametro, bisognerebbe tutelare anche chi crede nella reincarnazione: hanno pur diritto, loro, di sapere come è avvenuta la trasmigrazione dell’anima e chi erano nella vita precedente!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Discriminazione, usò la parola zingaro in testo giudirico: condannato autore

prev
Articolo Successivo

Adozioni, Pd ritira l’emendamento che le consentiva anche ai single affidatari

next