Dalla New York di un secolo fa all’Italia di oggi, poco è cambiato per i lavoratori. Barletta, 2011: a 100 anni dall’incendio della fabbrica Triangle, quando nel 1911 prese fuoco l’ottavo piano del grattacielo di New York tra Washington Square e Greene Street, altre operaie tessili muoiono sotto le macerie di un maglificio fantasma.

Che fare? Filmare: Costanza Quatriglio trova l’unica sopravvissuta al crollo, Mariella Fasanella, l’ascolta e scova verità universali, drammatiche, perché “nonostante tutto il suo saper fare, Mariella oggi un lavoro non l’ha più”.

Dunque, ritorno alla solidarietà, i diritti, la lotta operaia, che se le tragedie sono ancora le stesse non si capisce perché dovrebbero andare in prescrizione: forte di una potenza di (messa a) fuoco con pochi eguali nel panorama italiano, la Quatriglio non dice, non spiega, non mostra, fa cinema, fa accadere, mischiando archivio e presente, lo stupefacente skyline yankee e l’anonima povertà di Barletta, stressando la verticalità dell’immagine per un nuovo stupore antropologico e politico. Da vedere.

Il trailer di Triangle

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Selma’, quello che il film non può dare

next
Articolo Successivo

Whiplash, ritmo senza tregua per il film candidato a cinque Oscar

next