di Carblogger.it

La Nissan IDx non si farà. O almeno così scrive Automotive News. La notizia non è di quelle da far tremare i polsi, a me però dispiace. L’avevo vista al Salone di Tokyo nel 2013 e non era male. Soprattutto per l’idea che aveva dietro, spiegatami da Shiro Nakamura, il capo del design della Casa giapponese: “Offrire una sportiva divertente a costi ragionevoli anche per i giovani”. In più, con una linea che ricordava le muscle car americane. Mustang e Corvette per intenderci.

nissan-sport

Fa niente poi se nelle intenzioni dei giapponesi era riprendere la poco conosciuta (da noi) Datsun 510 dei primi anni 70. L’IDx faceva tornare alla mente piuttosto il mitico Generale Lee della serie Hazzard che ha fatto sognare la mia generazione (i più giovani troveranno la foto qui in basso).

La IDx non è la solita versione sportiva della city car di turno, trasformata in un’auto eccessiva, quasi al limite dell’educazione e alla fine molto costosa. Esagerazione alla quale anche i giapponesi di Nissan non si sottraggono, seppur in modo più elegante, con l’etichetta Nismo. La IDx era l’idea di un modello inedito, dall’inevitabile trazione posteriore, nato solo per i giovani, di età e di spirito, solo in versione sportiva e accessibile a tutti (o quasi). Avrebbe affiancato in gamma le due più pretenziose 370Z e GT-R.

Il grande sponsor della IDx era Andy Palmer, inglese, grande amante delle auto sportive, cresciuto alla corte di Carlos Ghosn fino ad arrivare a capo della strategia prodotto e ora passato ad Aston Martin nel ruolo di Ceo. Uscito lui, il progetto sembra definitivamente chiuso. Peccato.

Twitter @carblogger_it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Smart, Audi A3, Mini e 500, le macchine dell’italiano medio

prev
Articolo Successivo

Automobili d’epoca: se è vecchia, anche l’utilitaria piace

next