“La cosca Grande Aracri di Cutro, in provincia di Crotone, aveva entrature in Cassazione e nel mondo ecclesiastico”. Lo ha rivelato il procuratore di Catanzaro Vincenzo Antonio Lombardo nel corso della conferenza stampa che per illustrare i dettagli del provvedimento di fermo eseguito stamattina nell’ambito della più vasta operazione dei carabinieri, coordinata dalle Procura distrettuale di Bologna e Brescia, sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta in Emilia Romagna. Trentasette persone sono state arrestate dai carabinieri di Catanzaro. Stando alle indagini il locale di ‘ndrangheta di Cutro stava per diventare il punto di riferimento delle cosche del crotonese. Il boss assoluto era diventato Nicolino Grande Aracri che, secondo gli inquirenti, aveva intenzione di costituire una grande provincia in autonomia a quella reggina. La cosca Grande Aracri si era rivolta anche un monsignore in Vaticano per far trasferire un affiliato da un carcere del nord Italia a quello di Siano a Catanzaro. “Come le cosche di Reggio Calabria si sono infiltrate in Lombardia, – ha aggiunto il procuratore Lombardo – quelle del crotonese oggi comandano in Emilia Romagna” di Lucio Musolino

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, quando Sarti (M5s) dal palco denunciò: ‘Capolista Fi a cena con mafiosi’

prev
Articolo Successivo

‘Ndrangheta in Emilia, Ciconte: “Politici e imprenditori hanno ceduto alle mafie”

next