San Alessandro “Gennaro” Siani e l’inossidabile Clint Eastwood a miracolare il botteghino italiano. Che, rispettivamente con oltre 9 milioni e quasi 8 milioni di euro in 6 giorni, incentivano a portare un deciso sorriso tra Natale e la Befana. Totali e confronti alla mano grazie a Cinetel, il primo dato di segno positivo è dunque una piacevole percentuale pari a oltre l’11 %. Si tratta dell’incremento ottenuto al box office delle feste natalizie 2014 / 2015 dei primi 10 film classificati rispetto a quello registrato nelle festività 2013 / 2014.

I numeri parlano chiaro: 70. 009. 318 di quest’anno (fino al 6 / 1) su 63. 011. 564 euro dell’anno scorso. Seppur i valori non corrispondono agli effettivi totali incassati da tutti i film in programmazione ma solamente dalla “Top 10”, questa è sufficiente ad annunciare il buon traguardo raggiunto, sintetizzando oltre il 90 % del “raccolto” dalle sale cinematografiche tricolore. Andando nei parziali, il sorriso continua a brillare anche se in maniera più sfumata: il 6 gennaio a vedere i primi dieci film al cinema sono andate 602. 565 persone, portando in cassa 4. 283. 163 di euro, ovvero il 93 % dell’intero botteghino della Befana posizionato a 4. 581. 855.

Nella giornata dell’Epifania 2014, invece, a frequentare le sale per i “Top 10” erano state 580. 513 persone, per un totale di 4. 105. 356 euro, cioè l’ 87 % dell’intero ammontare giornaliero pari a 4. 724. 113: in questo caso leggermente superiore al dato di quest’anno. Il trend positivo non è scientificamente motivato ma indubbiamente certifica che la qualità e soprattutto la diversificazione del prodotto hanno maturato i loro frutti. Se lo scorso anno i protagonisti portavano i titoli del cartoon Disney Frozen (16, 6 milioni di euro in 3 settimane), del cinepanettone Filmauro Colpi di fulmine (10, 7 milioni di euro, 3 settimane) e di Un boss in salotto (6, 7 milioni di euro in 6 giorni), quest’anno a brillare sono anzitutto l’episodio conclusivo del fantasy Lo Hobbit (La battaglia delle cinque armate) con 13. 056. 598 euro (dal 17 / 12 al 6 / 1) e Il ricco, il povero e il maggiordomo di Aldo, Giovanni & Giacomo con 12. 693. 313 euro (dall’ 11 / 12 al 6 / 1).

Ma, si diceva, sono soprattutto il “fenomeno Siani” col suo Si accettano miracoli (precisamente a 9. 346. 823 euro per 1. 356. 475 biglietti staccati dall’ 1 al 6 gennaio) e l’ultra ottantenne evergreen Eastwood con il controverso ma potente American Sniper (7. 888. 970 euro per 1. 091. 766 biglietti staccati nel medesimo periodo) a suscitare ammirazione. Entrambi usciti a Capodanno, nessuno dei due aveva fatto altrettanto bene con precedenti titoli della propria filmografia: se Il principe abusivo (2013) del comico napoletano aveva totalizzato nei primi 4 giorni in sala 4, 2 milioni di euro, questa sua seconda prova alla regia è volata a oltre 7 milioni nella quaterna d’uscita.

Quanto all’eroico Clint siamo addirittura al record assoluto: con 5, 6 milioni in 4 giorni, il racconto del più famoso cecchino militare americano ha siglato la miglior uscita di sempre per un film dell’ex ispettore Callaghan. Meno bene del previsto è andata l’animazione targata Disney: il pur buono Big Hero 6 ha rastrellato la metà rispetto al predecessore Frozen con soli 8. 277. 242 euro (18 / 12-6 / 1), mentre entrambi i “fantasy per famiglie” (Il ragazzo invisibile di Gabriele Salvatores e il britannico Paddington) si sono assestati al discreto risultato di poco più di 4 milioni di euro. Va detto infine che, fatte le dovute proporzioni, il film che può realmente cantare vittoria è il vero capolavoro tuttora nelle sale italiane, ovvero il magnifico Gone Girl L’amore bugiardo di David Fincher: 6, 5 milioni di euro dal 18 / 12 al 6 / 1, a segnalare che la qualità ha ancora un peso.

il Fatto Quotidiano, 8 gennaio 2015

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Barry Lyndon, torna in sala il capolavoro restaurato di Stanley Kubrick

prev
Articolo Successivo

Selma, Martin Luther King e la lunga strada per la libertà del popolo nero

next