“I riflettori si accendono il 6 aprile di ogni anno, poi si spengono. Ma L’Aquila resta”. A parlare è Dorian Bardhi, studente di medicina fuori sede che da Pescara un anno dopo il 6 aprile 2009 ha deciso di iscriversi all’università de L’Aquila per “motivi puramente economici vista l’esenzione dalle tasse. Da studente posso dire che questa non è una città universitaria, non ho avuto modo di viverla prima del sisma quindi non posso fare un paragone, ma ad oggi non mi sento come se vivessi in una città a misura di studente. Certo, a livello didattico qualche miglioramento è stato fatto e credo più per un bisogno di ritorno alla normalità: ad esempio è stato reintrodotto il numero chiuso in alcune facoltà, non tanto per limitare le possibilità di accesso, ma per indicare il superamento della fase di emergenza. Quella fase è effettivamente passata, ma 5 anni fa è morta una città e per farla rivivere non bastano 5 anni”.

A poter fare un paragone è, invece, Marco Magliozzi che 5 anni fa era uno studente di psicologia e ora lavora a L’Aquila come psicologo: “L’università de L’Aquila prima del terremoto era una delle università migliori d’Italia, molto ben organizzata, molte facoltà erano al centro storico mentre quelle medico-scientifiche vicino l’ospedale e ingegneria era un altro polo a sé stante. Dopo il terremoto l’università non ha perso solo edifici ma anche finanziamenti: un po’ perché sono calati gli iscritti e sono state eliminate le tasse universitarie, ma soprattutto a causa dei tagli, ad esempio la facoltà di psicologia prima del terremoto offriva cinque percorsi di laurea specialistica, mentre ora ne sono rimasti due”.

l'aquila centro1Anche Liana studia qui: “Ricordo che tre o quattro anni fa vicino la fontana luminosa che è al centro storico avevano aperto locali che poi sono stati chiusi per via dei lavori e speravo in una futura riapertura. Eppure qui è tutto chiuso, c’è silenzio per le strade: si sarebbe dovuto iniziare immediatamente con la ricostruzione senza sprecare fondi e creando centri di aggregazione sociale da subito. Il problema del centro storico è la mancanza di vita quotidiana: non ci sono più persone che vivono qui, che vanno all’alimentari, al bar, all’università, al lavoro. La vita di tutti i giorni è sparita e se vogliamo essere ottimisti, visti i tempi, il centro storico lo riapriranno tra una decina di anni”.

Poi si spengono i riflettori. Ma L’Aquila resta.

Leggi la prima e la seconda parte del reportage

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge di stabilità e scuola: le promesse non mantenute del 2014

next
Articolo Successivo

La Buona Scuola: arriva la ‘fase 2’. Che succederà dopo il flop della ‘fase 1’?

next