Ancora un mercantile carico di migranti e, stando alle prime notizie, abbandonato dall’equipaggio al largo delle coste italiane. Dopo la vicenza della Blue Sky M, approdata a Gallipoli dopo che gli stessi scafisti avevano finto (rimanendo in realtà al comando) che fosse alla deriva in acque internazionali, nella sera di giovedì il cargo Ezadeen, battente bandiera della Sierra Leone e con a bordo 450 persone, si è fermato per un blackout a circa 40 miglia da Capo di Leuca (Lecce). A causa delle difficili condizioni meteorologiche, per portare soccorso è stato necessario utilizzare un elicottero, un HH-139 del Centro ricerca e soccorso dell’Aeronautica militare di Gioia del Colle, da cui tre operatori della Capitaneria di porto sono riusciti a calarsi sulla nave. Sono stati imbarcati anche tre medici della nave Tyr della Guardia costiera islandese, che partecipa alla missione Frontex e ha scortato la Ezadeen.

Il mercantile, lungo una sessantina di metri, è stato individuato da un aereo delle Capitanerie di Porto 80 miglia a est di Crotone. Via radio uno dei migranti a bordo ha riferito che l’equipaggio aveva lasciato l’imbarcazione e navigava senza nessuno al timone nel mare forza 4 e in balia di un forte vento da est/nord-est.

Il coordinamento delle operazioni di soccorso è stato assunto dalla centrale operativa di Roma della Guardia costiera, che ha chiesto di poter impiegare la nave islandese Tyr della missione Frontex. Gli islandesi hanno intercettato il mercantile intorno alle 19 di giovedì sera.

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, 4 vigili su 5 malati a Capodanno. Cgil: “Ingiustificabili”. La Uil li difende

next
Articolo Successivo

Capodanno 2015: la vera natura del ‘Pallone ‘e Maradona’

next