Non solo luminarie, panettoni e capitoni, babbinatali, insalate di rinforzo e torroni…qui al sud non c’e’ Natale e Capodanno senza pizzo.

Il pizzo rosso e il pizzo nero per intimo sexy e lingerie, certo…ma anche il pizzo e basta. Nel senso della maxirata di fine anno.

Una vecchia abitudine degli estorsori del clan dei casalesi mai passata di moda, e non solo nel casertano e nel napoletano: il pizzo di Natale è tradizione assai rispettata anche in buona parte di Sicilia, Calabria e Puglia.

Dicunt.
In Lombardia non saprei.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’emigrazione e lo sfogatoio che non serve: ‘Piove, immigrato ladro’

prev
Articolo Successivo

Cammino di Santiago, taxi e prenotazioni: i 100 km poco spirituali dei “tourigrinos”

next