Non solo luminarie, panettoni e capitoni, babbinatali, insalate di rinforzo e torroni…qui al sud non c’e’ Natale e Capodanno senza pizzo.

Il pizzo rosso e il pizzo nero per intimo sexy e lingerie, certo…ma anche il pizzo e basta. Nel senso della maxirata di fine anno.

Una vecchia abitudine degli estorsori del clan dei casalesi mai passata di moda, e non solo nel casertano e nel napoletano: il pizzo di Natale è tradizione assai rispettata anche in buona parte di Sicilia, Calabria e Puglia.

Dicunt.
In Lombardia non saprei.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’emigrazione e lo sfogatoio che non serve: ‘Piove, immigrato ladro’

next
Articolo Successivo

Cammino di Santiago, taxi e prenotazioni: i 100 km poco spirituali dei “tourigrinos”

next