Tanta bella gente, sabato sera, all’incontro genovese fra Pippo Civati, Nichi Vendola e Sergio Cofferati, in vista delle primarie di gennaio e poi delle regionali in Liguria di maggio. Sotto la regia implacabile di Ludo Sciarelli e la conduzione scoppiettante di Daniela Preziosi, giornalista del Manifesto, Marco Rinaldi ha raccontato la leggenda del Comandante Bisagno, i parlamentari della Rete a sinistra hanno illustrato la loro proposta di un’anagrafe dei politici, e poi c’erano loro, Pippo con i suoi tempi comici da cabarettista del Derby, e Nichi con la sua aura da incantatore di serpenti. Non ci fosse stato Cofferati, sarebbe parsa una convention del Partito dei Carini di crozziana memoria: senza Montezemolo, naturalmente, e pure senza l’apparato locale del Pd, con indubbi vantaggi dal punto di vista estetico.

Manifestazione di SeL contro la politica economica del governo

Io avrei dovuto dire solo due parole, giusto per invitare tutti al dibattito pubblico organizzato da Controvento, insieme con il Secolo XIX, a Palazzo Ducale il 23 gennaio, dalle 16.30 in poi. Segnatevelo, perché gli altri giornali non ve lo diranno mai, ma si tratta di un esperimento di democrazia partecipativa quasi ignoto in Italia. Poi però il clima effervescente mi ha preso la mano e mi sono lanciato in un pistolotto sulla Sinistra possibile, uno dei mantra di Civati che, prima di conoscere lui, mi lasciavano più perplesso. Pensavo fosse solo una cattiva traduzione di “Podemos”, o del “We can” di Obama, poi lui mi ha spiegato di averlo ripreso dall’Uomo senza qualità di Musil, roba da pazzi, abbiamo persino dei politico colti…
Così, preso dall’entusiasmo, mi sono lanciato in una predica del tipo: macché possibile, la Sinistra esiste, è il milione e mezzo di lavoratori che, scioperando, ha rinunciato a una giornata di stipendio per dare una possibilità, appunto, ai tanti che altrimenti uno stipendio fisso non l’avranno mai. E qui mi sono fermato, un po’ perché la Ludo e la Daniela mi guardavano allarmate, un po’ perché temevo che, continuando così, finiva che davamo l’assalto alla Prefettura.

Insomma, liberi di non crederci, ma per un attimo la mitica Sinistra si è materializzata proprio lì, in una vecchia sala del Porto genovese, e per quell’attimo non è stata solo possibile ma visibile, palpabile, e in quell’attimo ci è sembrato, a tutti, di essere tornati a casa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Venezia, Casson: “Corro alle primarie Pd, nella mia squadra voglio solo incensurati”

next
Articolo Successivo

Primarie Liguria, il Pd si spacca sull’appoggio di Ncd a Raffaella Paita

next