I sei tour operator che non hanno ancora provveduto a risarcire i clienti che nell’agosto 2013 non hanno potuto sfruttare il viaggio in Egitto già pagato a causa degli scontri politici che hanno sconvolto il Paese dopo la deposizione del presidente Mohamed Morsi. Lo ha deciso l’Antitrust, che ha multato Eden, Phone&Go, Marevero, I Viaggi di Atlantide, I Viaggi del Turchese e Brixia per pratiche commerciali aggressive o scorrette. Le sanzioni ammontano in totale a 500mila euro, di cui 150mila a Phone&Go. Al contrario Alpitour, Veratour, Swantour, Going/Bluvacanze, Settemari e Amico Tour Resort Travel si sono impegnate a restituire l’importo, segnalare in futuro sul loro sito internet le eventuali “controindicazioni” per le destinazioni oggetto dei pacchetti turistici pubblicizzati e inserire sul sito e nei cataloghi cartacei la previsione del rimborso integrale del prezzo in caso di annullamento del viaggio “per causa non imputabile al consumatore”.

Il ministero degli Esteri all’epoca aveva sconsigliato ai turisti di recarsi in Egitto. Chi aveva già prenotato i biglietti, però, in molti casi non si è visto rimborsare il viaggio. Le società multate, si legge nel comunicato dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, hanno trattenuto parte delle somme versate e omesso di dare informazioni, sui loro siti, riguardo alla condizione socio-politica del Paese. Informazioni “la cui conoscenza è stata considerata essenziale ai fini di una decisione consapevole e avveduta dei consumatori”.

Le 12 istruttorie erano state avviate dall’Antitrust dopo diverse segnalazioni da parte del Codacons, che riteneva scorretto il comportamento di agenzie di viaggio e tour operator che applicavano penali e sanzioni a chi rinunciava al viaggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrade, ognuno per la sua via i soci Benetton, Goldman, Mediobanca e Singapore

next
Articolo Successivo

Fitch: “Venezuela a un passo dal crac, col crollo del petrolio. Rating Ccc”

next