Matteo Arpe lascia la presidenza e il cda di Banca Profilo. Ne ha dato notizia lo stesso istituto precisando che “analoghe dimissioni sono state presentate anche per gli incarichi ricoperti nella Capogruppo Arepo BP” e che “in relazione alla sentenza sul caso Ciappazzi/Parmatour, emessa dalla Corte di Cassazione in data 5 dicembre 2014 che ha rinviato alla Corte d’Appello per la determinazione delle pene principali e accessorie, il Dott. Matteo Arpe ha ritenuto corretto presentare le proprie dimissioni”. Il pg della Cassazione aveva chiesto per l’ormai ex banchiere tre anni e sette mesi per la sola bancarotta fraudolenta oltre alle pene accessorie che prevedono l’interdizione dai pubblici uffici per la stessa durata della pena principale e che, ma solo se confermate, avrebbero provocato la decadenza dell’incarico al vertice della banca.

In sostituzione dell’ex enfant prodige della finanza italiana, il cda dell’istituto ha cooptato il notaio Gennaro Mariconda e ha nominato all’unanimità presidente Guido Bastianini – che già ricopriva l’incarico di vicepresidente non esecutivo – e vicepresidente lo stesso Mariconda. “Il Consiglio di Amministrazione, nel ringraziare il Dott. Matteo Arpe verso cui nutre profonda stima personale e professionale, auspicando di potersi ancora avvalere della sua consolidata esperienza – si legge ancora nella nota – ha sottolineato il ruolo fondamentale da lui svolto nel salvataggio della Banca, avvenuto nel 2009 esclusivamente con capitali privati, e nel rilancio dell’Istituto che, pur in anni difficili per il sistema bancario a livello italiano e internazionale, è riuscito ad affermarsi come uno dei principali operatori indipendenti del settore, con i più elevati indici di solidità patrimoniale”.

Cambiamenti, seppur di minore impatto, in arrivo anche a monte della catena di controllo, nel fondo Sator, dove Arpe intende proporre al cda una riorganizzazione del governo societario con una ridistribuzione delle deleghe.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazon, imposta importazioni non pagata. San Marino sequestra merci

next
Articolo Successivo

Eni, congelata la vendita di Saipem: “Condizioni di mercato instabili”

next