“Matteo Renzi venga qui a Gioia Tauro (provincia di Reggio Calabria) e discutere con i lavoratori dell’azienda Demasi che stanno per essere licenziati“. Cisl, Fiom e Uil hanno proclamato lo sciopero della fame fino a quando non ci saranno impegni precisi per salvare i posti di lavoro. La protesta non è nei confronti dell’imprenditore Nino Demasi, ma contro uno Stato che consente agli istituti di credito di non risarcire l’imprenditore vittima dell’usura bancaria. “È un fatto di civiltà – spiega il responsabile della Fiom Pasquale Marino – I lavoratori stanno lottando con le unghie e con i denti per un pezzo di pane. Qui c’è un’azienda che produce ma si è permessa di denunciare le banche perché gli hanno rubato i propri soldi. Si deve preoccupare un governo serio se tale è. Dobbiamo finirla con le belle parole”. “Finché avrò vita continuerò questa battaglia. – aggiunge l’imprenditore Demasi – Lo debbo a me stesso, a i miei figli e ai miei lavoratori. Questa azienda non ha bisogno né di aiuti pubblici, né di elemosina, né di cortesia. Le banche ci hanno proposto tre milioni di euro a fronte di oltre 200 che ho chiesto come risarcimento danni per l’usura bancaria. Se io pensassi solo ai miei interessi, prenderei quei soldi e me andrei dalla Calabria. Ma voglio continuare a fare l’imprenditore a Gioia Tauro. Se nessuno interviene, il 31 dicembre scade la cassa integrazione e dovrò chiudere l’azienda”  di Lucio Musolino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sciopero 12 dicembre 2014, Barbagallo (Uil): “Si faceva anche nell’antico Egitto”

next
Articolo Successivo

Amazon non pagherà i dipendenti in fila: negli Usa è legale disporre del lavoratore senza retribuirlo

next