Ci è stato presentato il seguente appello, pubblicato su un portale legato al mondo delle tifoserie, secondo cui il famoso calciatore Zinedine Zidane avrebbe dichiarato: “I Trofei vinti alla Juve? Non li sento miei. Eravamo tutti dopati. Molte volte anche tra un tempo e l’altro ci dopavano”.

Naturalmente l’affermazione è una bufala: Zinedine Zidane non ha mai dichiarato cose del genere, e di sicuro il doping non è la “formula miracolosa” che l’incerta formulazione della bufala postula tale da investire di effetti fisici il calciatore in una manciata di minuti.

zidane pagina FbAlcuni dei più pervicaci sostenitori della bufala insistono, di condivisione in condivisione, nell’identificare il momento della presunta dichiarazione nel 2004, durante un’intervista al Corriere della Sera. Ma le affermazioni lì pronunciate sono di contenuto completamente diverso: «La creatina l’ ho presa soltanto alla Juventus. Mai prima, in Francia, e mai dopo, al Real Madrid. Ne prendevo due o tre grammi durante la settimana, quando c’ erano molti impegni. E anche durante l’ intervallo, tra un tempo e l’ altro della partita. Chi ci dava le bustine? A volte il dottor Agricola, a volte il dottor Tencone. Le flebo? Sì, le facevo alla vigilia del match nella camera d’ albergo. Flebo di vitamine, così almeno mi dicevano i medici.

Va ricordato al riguardo che l’uso della creatina non è considerato una infrazione dalla World Anti-Doping Agency (Wada) e non compare nella lista delle sostanze e metodi proibiti aggiornata al 2012.

Si è quindi presa una dichiarazione reale, ben più lunga ed incardinata in un procedimento di giustizia sportiva già concluso, la si è rimaneggiata con un uso creativo del taglia-e-incolla e si è confezionata una macro in cui il calciatore di una squadra rivale si autoaccuserebbe di doping.

A volte, basta solo controllare…ricordando che la giustizia sportiva ha già fatto il suo corso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Astensionismo, tecniche di comunicazione per portare gli elettori alle urne

next
Articolo Successivo

Governo Renzi: la pizza della terza via con Tony e Matteo

next