“Se il Pd torna a essere il partito dell’Ulivo, che unisce e accompagna il Paese, non ci sarà bisogno di alternative. Ma se il Pd è quello di questi ultimi mesi, è chiaro che ci sarà bisogno di una forza politica nuova”. Il presidente della Commissione antimafia Rosy Bindi, in un’intervista al Corriere della Sera ipotizza una spaccatura all’interno del partito democratico e nega che la forza che nascerebbe da lì sarebbe minoritaria: “Tutt’altro che minoritaria -afferma- una forza di sinistra, competitiva con il partito della nazione. E allora servirà, oltre alle idee, la classe dirigente“.

Secondo Bindi, inoltre, “Renzi sbaglia quando si paragona al partito a vocazione maggioritaria di Veltroni, che prese il 33% e ridusse la sinistra radicale a prefisso telefonico. Quello era collocato nel centrosinistra e non ambiva a fare il partito pigliatutto. Se il Pd è quello di questi mesi una nuova forza a sinistra non sarà residuale, ma competitiva. E sarà un bene per il Paese, se non vogliamo che il confronto si riduca ai due Matteo. Sarà una sinistra riformista e plurale, ma sarà una sinistra. Sarà il Pd“. E attacca il presidente del Consiglio anche sul fronte della riforma costituzionale (“così è irricevibile, umilia il Parlamento e lo rende subalterno al governo”), della legge di Stabilità (“non può essere una mera restituzione delle tasse, c’è bisogno di sostegno vero al lavoro e agli investimenti”) e dell’Italicum (“c’è da dare al Paese una legge che assicuri il bipolarismo, non attraverso i nominati e il premio di maggioranza al partito unico”).

Senza dimenticare la riforma del lavoro del Jobs Act: “Oltre a non condividere il merito – dice Bindi -, io ho voluto prendere le distanze dal messaggio che il premier ha costruito in questi mesi. Le sue parole hanno scavato un solco tra il governo, il segretario del Pd e il mondo del lavoro, la parte più sofferente dell’Italia”. Bindi sottolinea anche il calo del consenso nei confronti del premier e critica duramente la sua dichiarazione sui numeri dell’astensionismo alle regionali di Emilia Romagna e Calabriamai così bassa sulla via Emilia dal dopoguerra ad oggi (37,67 per cento) e ferma al 44,07 per cento a sud. “La non grande affluenza è un elemento che deve preoccupare ma che è secondario”, aveva infatti commentato Renzi poco dopo i risultati.

Una dichiarazione “molto grave” per Bindi, che sul Corriere spiega: “L’astensionismo è un problema per la democrazia di un Paese, per il Pd e anche per il governo”. Poi rimarca che “se alle Regionali avessero votato gli stessi elettori delle Europee dovremmo dire che oggi il Pd è tornato al 30%, un numero più vicino al 25 di Bersani che non al 41 di Renzi“. Quindi, “il voto di domenica dimostra che è iniziata la parabola discendente, anche di Renzi”, che Bindi paragona a Grillo, Salvini, e al “Berlusconi dei primi anni. La rottura della politica col Paese reale è profonda e sembra rimarginarsi quando gli italiani si affidano al salvatore di turno, per poi delusi andare a ingrossare l’unico partito che vince, quello dell’astensione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renzi, il 10 per cento di che?

prev
Articolo Successivo

Forza Italia, Fitto ci riprova: “Primarie per tutti, anche per Berlusconi”

next