Gialli, buffi e tremendamente dispettosi. Sono i Minions, le creature scaturite dalla mente di Chris Melandri che con Cattivissimo Me ha aperto la strada a un franchise dal successo planetario. I piccoli aiutanti del protagonista del film, prodotto dalla Illumination Enterteinment, hanno fatto breccia nel cuore del pubblico, andando ben oltre le aspettative, tanto da oscurare il personaggio principale del lungometraggio d’animazione, uscito oramai 4 anni fa.

Era inevitabile che prima o poi questi innocui e divertenti esseri di forma vagamente umanoide avrebbero conquistato un film interamente incentrato su di loro. Minions, questo il titolo, uscirà a luglio 2015 negli Stati Uniti e ripercorrerà la loro storia sin dagli albori. Da microscopici organismi unicellulari, alla preistoria dei dinosauri, passando per gli egiziani delle Piramidi, Gengis Khan, Dracula e Napoleone, i Minions si evolvono attraverso i secoli, alla ricerca costante di un perfido capo da poter seguire fedelmente. Saranno Kevin, Stuart e Bob, i tre Minions più avventurosi, a mettersi in viaggio per trovare un nuovo padrone, il più malvagio possibile. Inutile dire che l’attesa attorno a questo spin-off è già da mesi alle stelle, basta vedere i numeri che ha raggiunto il trailer, che in poche ore è diventato talmente virale in rete da superare le 10 milioni di visualizzazioni.

Un successo preannunciato, tanto da riunire un cast di stelle al doppiaggio, del calibro di Michael Keaton, Jon Hamm, Steve Coogan e Sandra Bullock nei panni della cattivissima Scarlet Overkill. In Italia dovremo aspettare fino al 27 agosto 2015, giorno in cui i Minions sbarcheranno in sala grazie alla Universal Pictures, ma senza dubbio l’attesa sarà ricompensata da altrettanto divertimento.

Ecco il trailer

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Interstellar’ non è 2001 Odissea nello spazio

next
Articolo Successivo

Pride, quando gay e lesbiche aiutarono la lotta dei minatori inglesi

next