Mai sottovalutare il potere dei fan: bisogna essere fan di Dylan Dog, per pensare di portarlo su schermo senza ricavare un euro, e bisogna essere fan per sponsorizzare la realizzazione di un’opera video come Vittima degli eventi. Ma attenzione a chiamarlo “fan movie”. Il mediometraggio diretto da Claudio Di Biagio e sceneggiato da Luca Vecchi (anche interprete di Groucho), presentato al Wired Next Fest nell’ambito del Festival Internazionale del Film di Roma, per poi proseguire il tour in varie città, è ispirato al celebre personaggio di Tiziano Sclavi. Una bella sfida, visti i poco brillanti risultati delle trasposizioni cinematografiche degli ultimi anni, anche hollywoodiane.

Dal 2 novembre poi, sarà distribuito a cura di The Jackal, sul loro canale YouTube. Perché funziona un po’ così: i talenti tra di loro si riconoscono e collaborano. La casa di produzione napoletana infatti sarà il modo migliore per farlo arrivare a più utenti possibile: è atteso a ore il lancio del nuovo episodio di Gli effetti di Gomorra sulla gente (con cui il canale ha raggiunto il picco di 5 milioni di visualizzazioni), ultimo di una lunga serie di successi (The Parker, Lost in Google, Gay ingenui).

La parte “fan” sta nel finanziamento – con due diverse campagne su Indiegogo sono stati raggiunti i 35 mila euro per la realizzazione, donati dal pubblico che voleva fortemente il progetto – e nella passione di chi l’ha reso film, con un lungo lavoro di studio e di preparazione: “La sensazione di essere ammiratori stava nell’emozione di vedere ricreati gli studi del personaggio che tutti amiamo, le atmosfere e i profumi – racconta Claudio Di Biagio – ma non si tratta di un ‘fan movie’. “Questo è un film vero”. Lo ribadisce anche Valerio Di Benedetto, che vesti i panni di questo Dylan Dog contemporaneo, in equilibrio tra le caratteristiche dello storico personaggio e il necessario adattamento alla contemporaneità. “Abbiamo adattato la storia a un diverso medium e lo abbiamo contestualizzato in tempi e luoghi reali per lo spettatore”, spiega il regista.

Abbiamo adattato la storia a un diverso medium e lo abbiamo contestualizzato in tempi e luoghi reali per lo spettatore

Di Benedetto è interprete di un altro film a basso costo di estremo successo, Spaghetti story (“Esperto di no-budget”, scherza): “Sono due pellicole diversissime, che però nascono dalla stessa esigenza, dallo stesso movimento che c’è in Italia, e che spero sia il punto di ripartenza anche per il cinema, vista la mancanza di fondi”. Quel movimento di persone che “fanno le cose con estrema professionalità, in ogni comparto” e che, vuoi o non vuoi, si annusano e si riconoscono. Di Benedetto usciva dal set di Freaks!, il cui regista era Claudio Di Biagio, e fu proprio lui a notare la somiglianza con l’Indagatore dell’Incubo. “Ci lasciammo con uno scambio di battute, ma quando vidi una foto di Vecchi nei panni di Groucho, uno dei suoi cavalli di battaglia – racconta l’attore – Gli mandai subito la foto, e dopo un po’ ci siamo incontrati per Vittima degli eventi”. Lo scambio e la discussione tra chi ha finanziato e chi ha reso possibile il film sono stati costanti, anche per le rifiniture finali, e ogni donatore avrà la sua ricompensa (come crowdfunding vuole). A tal proposito, una delle cose più richieste è un booklet con inediti e parti di sceneggiatura commentate da Di Biagio e Vecchi.

Alla pellicola, che sarà proiettata gratuitamente, hanno preso parte anche (sempre gratuitamente) Milena Vukotic nei panni di Madame Trelkovski e Alessandro Haber (il mitico ispettore Bloch che nei fumetti Bonelli va in pensione proprio in questi giorni) e Massimo Bonetti, interprete di Hamlin. La direzione della fotografia è di Matteo Bruno, il montaggio di Giovanni Santonocito. Alle musiche Helio Di Nardo e Francesco Catitti (il brano dei titoli coda invece è dei Velvet). Color, sound design e missaggio audio della Frame by Frame, effetti visivi di Luca della Grotta. La pellicola lascia spazio a un’ipotetica serialità (d’altronde, lo staff ne è esperto), ma a casa Bonelli l’hanno visto? “Il film intero no, ma quello che hanno visto finora gli è piaciuto – dice Di Biagio – sono molto curiosi”.

Dal Fatto Quotidiano del 24 ottobre 2014

Modificato da redazione web alle 16.30

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Festival di Roma 2014, record per la sezione Alice in città. Domani Costner

prev
Articolo Successivo

Kevin Costner al Festival di Roma, “il razzismo è ancora un problema in Usa”

next