Renzi-Barbarda D'UrsoMa che pretende da Renzi la Ragioneria dello Stato?! Che trovasse le coperture per la manovra?! E quando, se nell’ultimo mese è stato in tv per 77 ore?! (Violata la par condicio: bisognava dare spazio anche al centrosinistra). Quando, se da premier e segretario del Pd doveva lanciare il cronoprogramma, emanare le slide, promulgare gli hashtag, stabilire le linee guida, approvare gli slogan, promettere le unioni gay («Le faremo un minuto dopo aver approvato la legge elettorale e la riforma della Costituzione.» O completato la Sarerno-Reggio Calabria, scegliete voi), invitare a pranzo Oprah Winfrey (per poi scoprire che non c’è gusto a dare del tu a un giornalista in una lingua dove non esiste il “Lei”), pensare alla scenografia della Leopolda? (Boschi: «Ricorderà un garage.» Perché i numerosi invitati non sanno dove parcheggiare il suv).

Trovare le coperture è compito della vecchia politica, quella che preferiva dare ai ricchi o ai poveri invece che promettere a entrambi. Quella che si divideva in vetusti partiti portatori d’interessi di parte: gli operai o le grandi imprese, le scuole pubbliche o quelle private. Questi steccati appartengono al passato, quando la sinistra credeva al tale che voleva realizzare il socialismo in un solo paese. Non era quella la soluzione! La soluzione è realizzare il bipolarismo in un solo partito.

Un partito nel quale ci sia spazio per Gennaro Migliore e Angelino Alfano (che allo scopo ammette: «Dobbiamo cambiare nome alla nostra formazione». “Nuovo Centro Destra” potrebbe servire a Renzi), un partito che piaccia a Baricco e a Barbara D’Urso: «Con Matteo mi è venuto spontaneo darci del tu!» Hanno un amico in comune. Barbara ha anche fatto a Renzi una proposta: «Matteo, quando smetti di fare il premier, facciamo un programma insieme?». Mancava: «Il mio capo vuole sdebitarsi con te!». Un partito che pretenda di stare con i lavoratori precarizzando il lavoro, come ci ha chiesto di fare Angela Merkel, e con le famiglie tagliando i servizi: il Governo ha ridotto le tasse. Tagliando i trasferimenti agli enti locali. Che aumenteranno le tasse. Ma Renzi è soddisfatto, perché su Twitter entra solo la prima parte della frase). Finalmente, «Un partito della nazione». La Germania.

Il Fatto Quotidiano, 23 ottobre 2014

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M5S: su immigrazione ed Ebola Grillo sbaglia

next
Articolo Successivo

Legge Stabilità, incontro governo-Regioni. Delrio: “Pronti a discutere loro proposte”

next