“Pagare le estorsioni vuol dire non avere più vita”. Parole dell’imprenditore edile Emilio Iuticone, che ha denunciato e fatto arrestare le cosche di Crotone che gli chiedevano il pizzo. Attentati, intimidazioni ma anche un processo per mafia dal quale è uscito assolto con formula piena: “Non potevo essere un mafioso e nello stesso tempo denunciarli. Mi avevano accusato i pentiti a cui pagavo le estorsioni. Per tre volte, mi è stato chiesto di entrare nel programma di protezione assieme alla mia famiglia, ma adesso il prefetto mi ha tolto la scorta. Sono stato un oggetto utilizzato dallo Stato“. L’imprenditore ha deciso quindi di diminuire il suo lavoro per non subire più estorsioni. Negli ultimi mesi, Iuticone ha licenziato 40 operai che lavoravano per la sua azienda. “Anche quando avevo la scorta subivo avvertimenti dalla ‘ndrangheta. Non voglio più scendere a compromessi. Non me la sono più sentita di ricominciare. Ho denunciato la cosca dei Papaniciani e dei Vrenna-Bonaventura. Oggi questi signori stanno uscendo dal carcere, e che Dio me la mandi buona”. Ha paura di un attentato? “Potrebbe essere anche una liberazione. La si fa finita e basta” di Lucio Musolino

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trattativa: “Nel ’93 allarme Sismi per rischio attentato a Napolitano e Spadolini”

next
Articolo Successivo

De Gennaro, Ciancimino a giudizio per aver detto che era il signor Franco

next