L’Agcom, incurante del rinvio alla Corte Costituzionale dell’oramai celebre e contestatissimo Regolamento sul diritto d’autore in virtù  delle possibili violazioni associate all’art. 21 della Costituzione – la norma cioè che garantisce a tutti i cittadini il diritto alla libera manifestazione del pensiero dell’informazione e della libertà di stampa-,  continua la sua crociata contro la pirateria.

Una battaglia personale contro quella che con la pirateria non sembra avere nulla a che fare, dal momento che il maggior numero di soggetti coinvolti nelle procedure “dai e vai” dell’Autorità sono testate nazionali e non, o semplici siti informativi. Proprio i soggetti e i temi cioè che dovrebbero ricevere il più  altro grado di tutela garantito dalla nostra Costituzione.

In queste ore, dopo La Repubblica, la Repubblica TV, Gay.it, il sito risorse didattiche per gli alunni della scuola primaria, il sito della Cultura della Regione Marche, AGCOM  decide di chiedere la rimozione di contenuti da un articolo presente sul sito del Corriere della Sera dal titolo “Le 14 cause (sorprendenti) della disidratazione”, contenente molte informazioni e diverse foto, in virtù della presenza nell’articolo di una foto tratta da Flickr, con tanto di citazione della fonte e link diretto al sito del soggetto che dovrebbe essere il titolare della foto, secondo quanto riportato nello stesso provvedimento dell’Autorità.

Come sempre Agcom indica l’intero articolo nell’invito ‘spontaneo’ a rimuovere, cosicché in teoria per rispettare i suoi dettami è necessario far sparire dal mondo del web un intero articolo, con svariate immagini al proprio interno e con informazioni che in questo caso potrebbero essere molto utili per il cittadino, dal momento che l’articolo stesso  ha ad oggetto il diritto alla salute.

I diritti costituzionali evidentemente non sono tenuti in gran conto dalle parti di via Isonzo. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alluvione Genova: il rinvio della scadenza delle multe di 24 ore non era una bufala

prev
Articolo Successivo

Ddl diffamazione: l’irresistibile tentazione di imbavagliare il web

next