Primo via libera in Italia alla fecondazione eterologa in un ospedale pubblico. L’intervento è avvenuto al Careggi di Firenze, con gameti maschili acquisiti in una banca del seme europea. “E’ un trattamento che dura pochissimo e non cruento, praticato in day hospital”, ha spiegato la direttrice sanitaria Maria Teresa Mechi che ha annunciato  40 visite ambulatoriali per le coppie interessate e tempi d’attesa ridotti a un anno, con l’obiettivo di arrivare “a tempi d’attesa inesistenti“. Partita anche la donazione dei gameti. La Mechi ha concluso dicendo che “la strada aperta dimostra che ci sono le condizioni per poter garantire questo tipo di risposta ai cittadini”. E altri ospedali dice: “Si può fare” di Max Brod

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gay e divorziati, il Sinodo inatteso

next
Articolo Successivo

Nozze gay, Arcigay Bologna: “B. vuole il riconoscimento? No, solo eliminare Alfano”

next