Si spengono le speranze sull’efficacia della terapia contro l’Hiv somministrata dalla nascita. Il virus è ricomparso anche sul bambino italiano sottoposto a trattamento a dodici ore dal parto. Il “bimbo di Milano” condivide la stessa sorte della bambina statunitense, che rispose bene ai farmaci antiretrovirali ma nel cui sangue, una volta sospesa la cura, ricomparve il virus

Il caso è descritto su The Lancet e dimostra “purtroppo che la guarigione dall’Hiv può essere solo apparente”, spiega Mario Clerici, del dipartimento di Fisiopatologia medico-chirurgica e dei trapianti dell’università Statale di Milano-Fondazione Don Gnocchi che ha in cura il bambino. “Il piccolo ora ha 5 anni, ha ripreso i farmaci e da un anno per effetto delle terapie il virus è ancora scomparso. Ma non si può più parlare di guarigione”. Non solo. Per la prima volta al mondo gli scienziati milanesi hanno verificato che “l’Hiv lascia sul sistema immunitario delle tracce indelebili, anche nel periodo in cui il virus sembra completamente sparito dall’organismo. È come quando si cammina sul cemento ancora fresco: le impronte rimangono per sempre”, sottolinea Clerici.

Il bambino è nato nel 2009 al reparto di Pediatria del Sacco di Milano. La madre in passato aveva fatto uso di droghe endovena, ma ignorava di essere Hiv-positiva. Quando il neonato è venuto alla luce i test hanno individuato una quantità elevatissima di virus nel sangue del piccolo e entro le prime 12 ore di vita i medici hanno quindi iniziato la profilassi antiretrovirale forte. I tassi di Hiv sono crollati e, dopo 6 mesi, del virus non c’era più traccia.

Dopo l’interruzione della terapia richiesta dai genitori del piccolo, l’infezione è riapparsa rapidamente. “Abbiamo dimostrato che le analisi immunologiche possono rivelare la mancanza di guarigione anche quando il virus sembra completamente scomparso”. Un’evidenza che non era stata raggiunta nel caso della bambina americana e nemmeno in Timothy Borown, il famoso “paziente Berlino” ritenuto oggi l’unico adulto guarito dall’Hiv

Lo studio su The Lancet

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stamina, gli esperti bocciano il metodo Vannoni: “No alla sperimentazione”

prev
Articolo Successivo

Ebola, cosa aspettiamo per il vaccino?

next