Non ci sono i presupposti per l’avvio di una sperimentazione del metodo Stamina. Secondo l’agenzia Ansa il comitato di esperti nominato a marzo dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin è giunto a questa conclusione. Il parere, già consegnato al ministero, è stato votato all’unanimità. Il comitato presieduto dall’ematologo Michele Baccarani, avrebbe dunque bocciato il protocollo, ideato dal presidente di Stamina Davide Vannoni, che utilizza cellule staminali mesenchimali a fini terapeutici. Il documento degli esperti è stato consegnato giovedì sera al ministero di Lungotevere Ripa. Nel pomeriggio i nove membri del Comitato si sono confrontati in videoconferenza per rendere possibile la partecipazione anche degli esperti stranieri. E’ stato così concluso il lavoro avviato circa sei mesi fa, giungendo a una valutazione unanime. 

Il primo comitato era stato di fatto bocciato lo scorso dicembre dopo l’accoglimento da parte del Tar del ricorso di Vannoni

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Zoo interattivo dedicato ai microbi per “far conoscere il micro mondo”

prev
Articolo Successivo

Aids, ritorna sieropositivo il bambino in cui le tracce del virus sembravano scomparse

next