Quando li incontri ti accorgi che l’amore per la loro terra di origine è immenso e rischia di diventare un legame troppo stretto. Allora devi agire tagliando quella corda che alla lunga potrebbe sfilacciarsi assieme alle idee. Per questo a volte è meglio dargli una pacca sulla spalla che più che un “torna” significa “vivi come meglio puoi”. Claudio e Michele Cuccovillo sono due ragazzi pugliesi forniti di quella “tigre negli occhi” che gli ha fatto mettere in piedi l’idea “Netberg“. E’ tra le prime sei idee imprenditoriali, a decidere la classifica sarà la rete. Due ragazzi del sud con occhiali che testimoniano notti davanti allo schermo del pc, secchi come solo i fuori sede a Londra e Milano sanno essere, agili come lupi, ma che hanno superato da tempo la loro linea d’ombra.

Netberg, creato da loro, è un portale per e-commerce, innovativo e soprattutto facile da usare. Insieme ad altri due come loro di Torino hanno messo su questa azienda che in Europa adesso molti ricercano. L’idea è semplice ma il lavoro che c’è dietro in questi anni ha l’odore del sacrificio. La piccola e media impresa soffre perché la strozzano logistica, spazio e tempo. Allora Netberg crea la piattaforma ideale e gratuita nella quale queste categorie non rappresentano più l’ostacolo, ma il valore aggiunto. E’ quel fluidificatore che cerca di sviluppare consumo facile a minor costo senza scadere nella deflazione. Robe difficili ma che alla fine sono semplici da realizzare: comprare una cassata dalla migliore pasticceria di Palermo… il miglior paio di scarpe dall’artigiano delle Marche… fino ai capperi di Pantelleria, ma liberi dalla grande distribuzione e creando un rapporto diretto tra produttori e consumatori che si realizza in rete con la visibilità in hd del luogo di produzione o del negozio dove compri. Insomma si tratta di realtà già avviate ed in uso in gran parte del mondo tranne che nel sud del Bel Paese.

E sono proprio loro Claudio e Michele che dal Sud ci hanno pensato ed hanno creato Netberg. Mi dicono che il 96% delle piccole e medie imprese in Italia deve ancora incontrare l’e-commerce, e che senza questa opportunità non ci sarà alcuna possibilità per loro. Visionari? O piuttosto giovani realisti che abbiamo in prestito dal futuro? Guzzanti diceva in una sua memorabile performance: “La seconda che hai detto”.

Bene ragazzi… bentornati dal futuro!

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Filosofa a Berlino. “Fuggire dall’Italia era l’unica possibilità. E tutto accade altrove”

next
Articolo Successivo

Renzi nella Silicon Valley: aboliscano i notai. Poi si può pensare all’articolo 18

next