“Oggi andarsene è l’unica via, perché tutto accade altrove. ‘Sei filosofo? E allora cosa produci di concreto?‘, ti chiedono in Italia. E così, ti tagliano i fondi”. Elvira Di Bona è nata a Pescasseroli, ha studiato a L’Aquila e oggi vive a Berlino. Nonostante abbia solo 31 anni, è filosofa analitica della mente e della percezione già quotata a livello internazionale. Dopo la laurea con lode in Filosofia a L’Aquila nel 2009 – “subito dopo il terremoto, un’esperienza tragica che ti segna per sempre” – Elvira ha deciso di guardare oltre i confini nazionali e di muovere lì i primi passi della sua carriera.

“I tre anni di dottorato in co-tutela con l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano li ho passati al Jean Nicod Institute di Parigi – aggiunge -. Nello stesso periodo ho anche fatto ricerca prima alla University of Sydney, in Australia, poi alla NYU di New York. E nel luglio del 2013 ho conseguito il dottorato in Filosofia e scienze cognitive col massimo dei voti”. Da allora è rimasta all’estero: è stata infatti scelta per il post-doc dalla Freie Universität di Berlino. “Della capitale della Germania adoro l’energia intellettuale, l’attenzione alla cultura contemporanea e il profondo senso della storia – dice – ed è facile trovare italiani che lavorino in ambito accademico. Lì siamo stimati”. A differenza di quanto accadeva “a casa”. “Sono fuggita perché un’altra soluzione non era possibile. Esistono ben poche opportunità per i giovani filosofi rimasti in Italia”. Studiosi che altrove riescono a fare carriera. “Il punto è che in Francia, in Germania, negli Stati Uniti e in tanti altri Paesi si investe molto di più nella cultura e in campo umanistico. Alla filosofia, alla letteratura, alla storia, da Bolzano a Palermo, vengono destinate sempre meno risorse”.

Oggi Elvira è impegnata nella scrittura di un libro su un celebre esperimento del 1982, antesignano di alcune forme di auto-reclusione digitale. Sarà la prima volta che pubblica in italiano, perché di solito lo fa nella lingua dei giovani accademici italiani in fuga: l’inglese. Ma oltre alla filosofia nella sua vita c’è anche la musica. E’ violinista e fondatrice dell’orchestra da camera “Archi del cherubino”, con tournée in tutto il mondo. E la musica continua a legarla all’Italia, perché da qualche anno organizza nella sua Pescasseroli il Festival “Voci dalla montagna”, che propone performance e concerti di musica classica immersi nella natura.

Nonostante questo, il ritorno alle radici può attendere. “Mi piacerebbe però rientrare, prima o poi. Nel mio piccolo penso che potrei contribuire al dibattito culturale e allo sviluppo della filosofia analitica in Italia, grazie all’esperienza che nel frattempo avrò maturato all’estero”. Nella sua agenda, il prossimo appuntamento in arrivo è fissato per sabato 27 settembre, quando rappresenterà l’Italia a New York in una conferenza internazionale sul lusso sostenibile, dove porterà una sua ricognizione filosofica sul tema. Nella città americana Elvira svolgerà parte del suo post-doc, all’Italian Academy della Columbia University, insieme ad altri ricercatori da tutto il mondo. Poi tornerà a Berlino.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Lascio l’Australia, torno in Italia. Mi invento un lavoro e continuo a sognare”

next
Articolo Successivo

E-commerce: Netberg, come comprare capperi di Pantelleria a Bruxelles

next