41 anni, operaio, è precipitato ieri in quel buco che non doveva essere lì. Morto sul colpo. Quella voragine di piazza Municipio, per costruire quella metropolitana, anzi l’ArcheoMetrò, quel fiore all’occhiello, una stazione con innesti di reperti archeologici, che tutto il mondo ci avrebbe dovuto invidiare.

Ma la memoria dell’amministrazione locale è corta. Inversamente proporzionale al volo di dieci metri che ha fatto Salvatore Renna da un’impalcatura. E’ volato giù come un angelo senza ali mentre intonacava una rampa di scale. E adesso cominceranno gli scarica barile? I giornali locali oggi titolano “sconosciuto alla cassa edile”, come dire: “chi era costui?. Non lavorava mica per noi…” Ma la cosa che mi rende schiumosa di rabbia è leggere: vittima della fretta per chiudere il cantiere. Un cantiere che ormai fa parte dell’archeologia industriale della città, da quando nel lontano 1976 cominciarono i lavori, dopo che si sono alternate non so quante amministrazioni succhia/soldi e allarga/buchi (una bustarella qua, una bustarella là…) adesso hanno fretta di chiudere il cantiere. Certo che parlare di “fretta” è paradossale per un’opera che ha impiegato fino adesso all’incirca 14mila giorni.  

Ma forse una ragione c’è. Il Papa ha appena ufficializzato la sua visita a Napoli il 21 marzo. E con sua Santità non si può fare brutta figura, meglio buttare allo sbaraglio operai, ribadisco ‘sconosciuti alla cassa edile’, come risulta dalla prime verifiche. Facciamo schifo, e lo dico da napoletana nel dna.

Se il Papa lo sapesse, dovrebbe all’istante cancellare la visita alla città. O, forse, dovrebbe venire subito e chiudersi in una stanza con i responsabili di tutto ciò ed illuminare loro le menti. Ma non ci meritiamo neanche quel brav’uomo di Papa Francesco. Se potesse servire mi unisco al cordoglio della famiglia della vittima. E che almeno il presidente Napolitano si desse una mossa a dare una medaglia a Salvatore, in fondo anche Salvatore un caduto in trincea.
twitter@piromallo

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francesco Fornabaio, morto il campione del mondo. Precipita con l’aereo a Venezia

next
Articolo Successivo

Migranti, naufragio nelle coste libiche: 10 morti. Continuano le ricerche dei dispersi

next