Il piano appare chiaro e semplice: “Indebolire e, a termine, distruggere lo Stato islamico“, che è “un’organizzazione terroristica che ha come unica visione il massacro dei suoi oppositori”. Ma il sentiero che il presidente Obama vuole percorrere in Siria, rilanciando la guerra al terrorismo, è stretto e fa discutere: l’idea è di appoggiare l’opposizione moderata al presidente al Assad contro l’estremismo integralista delle milizie jihadiste del nuovo Califfato, senza ben sapere chi aiuti e che effetti otterrai.

Il progetto è quello d’una coalizione volontaria internazionale, che può già contare sull’avallo, acquisito in Galles la scorsa settimana, di alcuni Paesi Nato. A Gedda, Kerry mette insieme 10 Paesi arabi, fra cui l’Arabia Saudita e le monarchie del Golfo, l’Iraq e l’Egitto, tutti schierati contro l’integralismo sunnita. La Siria di al Assad, esclusa a priori dalla coalizione, mette in guardia dalle conseguenze d’azioni non concordate sul proprio territorio: “Li considereremo attacchi”. E la Russia di Putin, che è al fianco di Damasco, pone il problema della legittimità di un intervento internazionale senza l’avallo dell’Onu e chiede che il Consiglio di Sicurezza ne sia investito: senza un mandato dell’Onu, l’azione della coalizione sarebbe un’aggressione. Come l’invasione dell’Iraq. La Turchia si chiama fuori. Israele appoggia, ma, ovviamente, non partecipa. La Gran Bretagna, dopo qualche esitazione, flette i muscoli, come ha subito fatto la Francia. L’Italia si tiene un passo indietro: tiene pronti gli aerei, ma per il rifornimento in volo, e addestratori per l’esercito di Baghdad – che sono dieci anni che si prepara e, malgrado istruttori ed equipaggiamenti, continua ad avere un grado di affidabilità bassissimo.

Nell’anniversario dell’11 settembre 2001, Obama dice: “Non cederemo alla paura”. Il presidente parla a una Nazione che vuole sì agire contro la minaccia terroristica, ma che teme di restare di nuovo impantanata in un conflitto, adesso che i ‘ragazzi’ stanno finalmente per tornare dall’Afghanistan. La notizia, di fonte ong, che i raid in Siria contro postazioni dell’Is hanno fatto 11 morti civili ridà corpo ai dilemmi occidentali, ma pure arabi, su come affrontare la minaccia del terrorismo, la cui sfida è decisamente cambiata, dopo l’uccisione di bin Laden e l’indebolimento di al Qaeda. Le nuove sigle hanno tattiche, strategie e obiettivi spesso locali e il Califfato crea uno Stato.

Cattive letture ed errori di valutazione hanno segnato l’approccio anti-terrorismo occidentale. E c’è da chiedersi se oggi siamo di fronte a una radicalizzazione della minaccia globale, o se non assistiamo piuttosto a episodi di una guerra intestina all’Islam.

Il Fatto Quotidiano, 12 settembre 2014

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Edwin Chota, ucciso l’attivista peruviano che difendeva la Foresta Amazzonica

prev
Articolo Successivo

Turchia, 35 ultras rischiano l’ergastolo per le proteste a Gezi park

next