È morto l’attore americano Richard Kiel, conosciuto per il suo ruolo di cattivo con i “denti d’acciaio” in alcuni film di James Bond. L’attore, 74 anni, è deceduto in un ospedale a Fresno, in California, dove era ricoverato. L’uomo si era rotto una gamba la scorsa settimana, ma non è chiaro se questo incidente sia collegato al suo decesso. Alto 2,18 metri (a causa di un disordine ormonale), si era fatto un nome a Hollywood nel 1960 con il suo ruolo di Voltaire in “Misteri di Occidente”. Ma è stato il suo personaggio di Shark, un cattivo con i denti di acciaio, a portarlo alla ribalta nei film di 007 “La spia che mi amava” (1977) e “Moonraker” (1979) che gli valse fama mondiale. Un ruolo che voleva incutere terrore ma riuscì simpatico agli spettatori, tanto che in Moonraker l’attore “squalo” diventa alleato dell’agente 007 e convola a nozze con una biondina dalla quale era rimasto affascinato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Everyday Rebellion’, il documentario ‘crossmediale’ dei movimenti

prev
Articolo Successivo

Al cinema dall’11 settembre: tra video hot, disobbedienze civili e futuri poco nuovi

next