Un selfie pubblicato e subito rimosso. Ma ai tempi del “controllo sociale” attraverso i social network niente può sfuggire, specie se riguarda il presidente del Consiglio. E il rischio aumenta se riguarda una foto pubblicata dallo stesso Matteo Renzi che Twitter lo usa a ritmo serrato e infatti ha un milione e 270mila followers. Impossibile, così, che l’autoscatto del capo del governo – non proprio riuscitissimo – rimanesse segreto, come lui voleva. Forse per errore ha pubblicato la foto – occhi sgranati, da sotto in su – e ha pure scritto “Io”. Ha subito eliminato il tweet ma la foto ha cominciato a rimbalzare e i commenti sono stati inevitabili. Tra lo sfottò e qualche parola più acida. 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rogoff al Corriere: “Il problema dell’Italia? La corruzione”. Ma nel titolo non c’è

prev
Articolo Successivo

Mediaset, è scontro sui trasferimenti d’imperio di 19 giornalisti Tg5 a Videonews

next