Vorrei segnalare, una volta tanto, uno spettacolo teatrale eccezionale. Sono stato mercoledì sera con tre ragazze quattordicenni: non abbiamo smesso di ridere, piangere, ed applaudire per tre ore di fila… oltre ai gridolini delle girls, come fossimo a un concerto dei Beatles nel 1964. Il pubblico, in media sui 19-25 anni, alla fine non voleva più andarsene.

L’autore della commedia è quel miracolo di umanità che supera Plauto nella fresca comicità immediata, e Aristofane per la profondità delle battute: il sassone William Shakespeare. Il titolo: ‘Molto rumore per nulla‘. Il cast è notevole, la regia di Loredana Scaramella è eccezionale. Il Luogo è quel Globe Theatre  di Roma che Gigi Proietti organizzato nel cuore di Villa Borghese. L’ultima replica è Domenica. Un consiglio ai romani: se avete altri impegni rinviateli; invitate qualcuno a cui volete bene e andateci. Scegliete il parterre (10Eu) se siete giovani, o se avete un cuscino o una sediolina pieghevole senza gambe che resta radente al suolo, altrimenti prendete i posti seduti (25Eu). Per chi non è di Roma? È il momento di un weekend last minute nella capitale. Per tutti gli altri, esiste una bellissima versione cinematografica, con Emma Thompson: da noleggiare per un pomeriggio a casa, tutti insieme e con i telefoni staccati.

Per ricordare a noi stessi che l’amore può alzarsi sopra ogni bruttura del mondo, e illuminare i cuori. Anche quelli più orgogliosi. Il testo è dedicato alle coppie che fieramente si tengono testa:

BENEDETTO: “Quale è stato il primo dei miei difetti per il quale ti sei innamorata di me?

BEATRICE: “Per tutti quanti insieme. Perché hanno organizzato una compagine così perfetta da impedire anche ad una sola qualità di insinuarsi tra loro.”

(Atto V, 2)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, non solo Colosseo. Tripadvisor e il New York Times scelgono le domus

next
Articolo Successivo

Teatro, la cultura ai tempi del Pd

next