“Sono in aspettativa al ministero dei Beni Culturali dal 1985, ovviamente senza assegni. Allo Stato non costo nulla, anzi se fossi andato in pensione prima, sarei costato sicuramente di più”. A rivelarlo è Vittorio Sgarbi ai microfoni de ‘La Zanzara‘ (Radio24) durante la solita irreverente intervista condotta da Giuseppe Cruciani e David Parenzo. Così, pungolato sull’argomento, il critico d’arte spiega: “Il 15 settembre si apre contro di me un procedimento disciplinare del Mibac, perché non sono tornato a lavoro dopo aver le elezioni comunali (perse, ndr) a Salemi lo scorso maggio. Ma – sottolinea Sgarbi – la mia è un’aspettativa senza assegni dal ruolo di ispettore della Sovrintendenza di Venezia. Una cosa dovuta, perché ho sempre avuto una funzione politica, un ruolo pubblico. E’ successo e succede a tanti, Scalfaro e Giuliano Amato solo per fare qualche esempio, ma anche tutti i professori che sono in Parlamento”. Sgarbi tiene il punto anche quando i conduttori gli fanno notare che “mantenendo comunque un ruolo, toglie un posto a un giovane“. La risposta del critico è chiara: “Non è vero, tanto i concorsi non si fanno e, dunque, non ci sarebbe un nuovo assunto al posto mio. E poi chissà, un giorno potrei tornare a fare il dipendente dello Stato”. Intanto, alla domanda su cosa voglia fare nel frattempo, con il Mibac che potrebbe licenziarlo, chiosa: “Lo facciano, altri sono tutti incapaci. Non capisco cosa vogliano da me che faccio gratis l’ambasciatore dei Beni Culturali in tutta Italia. Non rendo lo stipendio e non vado in pensione costando allo Stato. Sono cose legate a una burocrazia cieca perché cosa chiedi a uno che non prende nulla?”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Camere, ufficio bilancio costa 6 milioni. In 4 mesi ha fatto assunzioni. E poco altro

prev
Articolo Successivo

Lega, Bonanno: “In Europa farei comandare alla Russia non a questi europirla”

next