Vedendo Al Pacino al Festival di Venezia ho ricordato la sua interpretazione in ‘Profumo di donna‘. 

In questo frame descrive al giovane Charlie la bellezza nell’annusare la chioma femminile: “Hai mai affondato il naso in una montagna di capelli?” Meraviglioso direi.

Poco tempo fa, un amico dermatologo mi ha raccontato un episodio che gli è capitato durante un incontro amoroso: la donna che stava spogliando, ad un certo punto, nonostante l’eccitazione, si è scusata ed è andata alla toilette. Sentiva il bisogno di lavarsi le parti intime, nonostante non ci fosse nessun effluvio che desse fastidio all’uomo. Anzi, lui avrebbe preferito “odorarla” al naturale. Da lì è nato un confronto su quello che, annusato, fa eccitare un uomo e viceversa.

Esistono profumi che aumentano la congestione vaginale e  – secondo una ricerca americana – persino  le pastiglie di liquirizia Good and Plenty

Studi affermano che la donna percepisce in maniera chiara se un uomo prova attrazione nei suoi confronti a prescindere dalle parole che dice, proprio perché comunichiamo tra di noi con segnali chimici non razionali.

Nelle donne spesso l’afrore ascellare è un potente magnete e risulta fondamentale per la scelta del proprio compagno. Tornando alla chiaccherata col dermatologo, lo informai che in commercio si trova la fragranza intima Vulva mentre a Parigi una famosa boutique erotica proponeva una linea di profumi per la vagina: alla fragola, al fiore di tiarè, alla vaniglia, al frutto della passione e persino al cocktail “Cosmopolitan“. Sorrise e mi disse che avrebbe messo nella toilette una bottiglia di Batida al cocco pronta all’uso al posto del sapone.

Venite a trovarmi anche sul mio sito www.sensualcoach.it  e su Instagram

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Taste It: il supermercato della qualità italiana che usa Amazon

prev
Articolo Successivo

Eataly Roma, a settembre il cibo è come un film

next