A Eataly Roma il mese di settembre è tutto ispirato alla storia del cinema. Ogni settimana, dal 1 al 28 del mese, a fare da sfondo alle proposte culinarie ci sono 10 anni di pellicole: si comincia dalla Hollywood sul Tevere degli anni ’50 e ’60, passando per gli anni ’70 e ’80 fino alle suggestioni visionarie della fantascienza.

I piatti sono di ispirazione cinematografica: al ristorantino del Pane ‘ino si trova il panino “Pane amore e fantasia” come l’omonimo film, alla piadineria Fratelli Maioli si può assaggiare la piadina con crudo “Casa Graziano” 20 mesi, squaquerone Mabelli e rucola, in omaggio ad Amarcord di Fellini. E poi ancora la pizza a libretto al ristorantino del fritto con salsa di pomodoro e Grana Padano Dop e la “zuppa inglese di nonno Leopoldo” all’Osteria romana Cacciani dal film Il piccolo diavolo.

Da contorno alla kermesse culinaria-cinematografica, ci sono una galleria di scatti dedicati a Nino Manfredi a 10 anni dalla sua scomparsa e un’area dedicata alla moda e al design di accessori per raccontare mezzo secolo di cinema, in cui stilisti e artigiani si alternano ogni settimana. Si va dai saloni romani di AB haute Couture in cui è stato cucito l’abito Valentino di Livia Giuggioli Firth per la notte degli Oscar 2012, ai modelli dei giovani dell‘Accademia di moda Koefia, dalla collezione etica di Marina Spadafora per Auteurs du Monde/Altromercato al marchio sostenibile Belt Bag/Occhio del Riciclone.

Il 28 settembre alle 18 gli abiti in mostra prenderanno vita sulla passerella verde di Eataly. Gli abiti in mostra sono corredati dagli accessori green dei creativi della scena romana, con i design in plastica PET di Alecci e Di Paola e di Alter Equo, con i gioielli eco-tech di By Ludo e quelli ‘filmici’ di PAGE Diamania; con le borse ricavate dagli scarti di pelle di 2Heads4Hands e quelle vintage dipinte a mano da Marina Santaniello. E ancora le Belt Bags dell’omonimo marchio, realizzate con le cinture di sicurezza delle autovetture.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sesso: donne, uomini e il profumo dell’invisibile

prev
Articolo Successivo

Othello, un gioco per tutti

next